Imperia: salvi lavoratori Alpitel, sottoscritto accordo presso il Ministero del Lavoro. “Conquistato contratto di solidarietà”

Attualità Imperia

Lo afferma, tramite una nota stampa, la Camera del Lavoro territoriale di Imperia

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“Grazie al grandissimo lavoro delle Segreterie Nazionali ed il supporto della FIOM Cgil della nostra Provincia e dei Lavoratori che hanno scioperato e manifestato a supporto della vertenza si è chiuso l’Accordo con la Ditta Alpitel – Lo afferma, tramite una nota stampa, la Camera del Lavoro territoriale di Imperia (CGIL).

Trovato accordo con la ditta Alpitel, la soddisfazione della CGIl

“L’Accordo prevede infatti il ritiro dei 100 licenziamenti che erano stati preannunciati a livello nazionale, alcuni dei quali sarebbe stati nel nostro stabilimento provinciale di Imperia. In luogo dei licenziamenti saranno applicati i contratti di solidarietà e le fuori-uscite volontarie per numeri comunque inferiori a quanto inizialmente previsto.

Anche nella nostra Provincia siamo stati protagonisti di iniziative di lotta a partire dal mese di gennaio per arrivare allo sciopero ed al presidio dello scorso 11 febbraio in concomitanza con l’avvio della trattativa presso il Ministero .

Non possiamo che ringraziare tutti i Lavoratori che in questi mesi hanno supportato l’azione sindacale e la Segreteria Nazionale Fiom per questo risultato”.

Alpitel: conquistato il contratto di solidarietà: sottoscritto accordo presso il Ministero del Lavoro

“Si è svolto in data 2 marzo – 75° giorno della Procedura – presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il secondo incontro della cosiddetta “fase amministrativa” dedicata alla vertenza Alpitel relativa al licenziamento collettivo di 100 addetti delle funzioni indirette.

Il confronto, avvenuto a delegazioni ristrette a seguito delle restrizioni precauzionali connesse al Covid-19, ha registrato una svolta positiva, pur nella nota situazione di difficoltà, con la sottoscrizione dell’Accordo per il Contratto di Solidarietà, quale ammortizzatore sociale conservativo, grazie anche al contributo del Ministero del Lavoro.

A livello di tempistiche, la dote degli ammortizzatori sociali disponibili, attraverso il CdS sottoscritto è paria a 24 mesi eventualmente prorogabili a 36!

219 i dipendenti interessati alla sospensione in CdS – con anticipo mensile in capo ad Alpitel – praticamente l’intera platea del personale indiretto interessato dalla procedura, con una rotazione trimestrale, salvo per il personale volontario e che si aggancerà alla pensione per il tramite degli ammortizzatori sociali.

Gli esuberi inizialmente dichiarati, anche al netto delle fuoriuscite spontanee avvenute dall’inizio della vertenza, si riducono a 80. Si è concordato un incentivo fino a € 14.000 (Quattordicimila,00) per i lavoratori che si agganceranno alla pensione nel periodo di vigenza degli ammortizzatori sociali, mentre per le fuoriuscite volontarie l’incentivo sarà definito in sede aziendale.

Un Grazie và alle lavoratrici e ai lavoratori di Alpitel – costantemente informati nel corso di queste settimane, grazie al lavoro costante delle RSU e delle strutture FIM e FIOM territoriali – che hanno dato prova di grande carattere nel corso di questa non facile vertenza, con significative iniziative di mobilitazione a più riprese.

Nelle assemblee, che si svolgeranno in tutte le sedi Alpitel entro giovedì 4 marzo, saranno illustrati compiutamente i dettagli dei Testi definiti.

Grande assente – doveroso sottolinearlo – il Ministero dello Sviluppo Economico, presso il quale giace da mesi una richiesta di audizione per la presentazione del Piano industriale – il quale non ha ritenuto di intervenire in quello che è l’ennesimo campanello di allarme nel settore delle installazioni telefoniche. ù

Un silenzio assordante che – una volta definita la vertenza – assieme alle lavoratrici ed ai lavoratori di Alpitel e di tutte le altre aziende delle TLC sarà nostro compito squarciare” – FIM CISL FIOM CGIL nazionali.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!