Coronavirus, Liguria: parla Toti. “Mascherine obbligatorie? Ci stiamo pensando, ma solo in situazioni specifiche”

Coronavirus Provincia

“Vanno avanti i test sierologici. Con il personale sanitario siamo arrivati a circa 3 mila. La percentuale di contagio è sotto il 5%”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“Mascherine obbligatorie? Ci stiamo pensando, ma solo in situazione specifiche”. Così il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti nel consueto punto stampa quotidiano sull’emergenza Coronavirus.

Coronavirus, Liguria: “Meno pazienti in terapia intensiva. E il dato che più ci interessa”

“Sono 3.731 i pazienti positivi al Coronavirus in Liguria, 229 in più di ieri. C’è una crescita, ma non c’è un aumento percentuale statistico. Il dato oscilla quotidianamente a seconda di dove si orienta il monitoraggio dei tamponi. Risente di alcuni cluster, in particolar modo all’interno delle Rsa. Più sono appropriati i test a tampone, più il numero dei positivi tende a essere elevato.

Gli ospedalizzati sono solo uno in più. Sono 4 i pazienti in meno in terapia intensiva ed è il numero che più ci interessa. 

Le vittime sono 14, un numero ancora insopportabile dal punto di vista umano, ma certamente più basso rispetto alle scorse settimane.

Vanno avanti i test sierologici. Con i sanitari siamo arrivati a circa 3 mila. La percentuale di contagio è sotto il 5%. Direi che nei nostri ospedali e nelle nostre aziende sanitarie l’attenzione e la profilassi sono state elevate. Viaggiano anche i test nelle Rsa, sui 12 mila ospiti. Siamo a 4 mila test effettuati. I risultati li renderemo noti nei prossimi giorni.

Per quanto concerne i dispositivi di protezione individuale, inizieremo presto la distribuzione, gratuita, di 2 milioni di mascherine, più di una a persona. I dettagli li daremo nei prossimi giorni, ma certamente vogliamo iniziare prima di Pasqua.

Per quanto concerne eventuali ordinanze sull’uso obbligatorio delle mascherine, ci stiamo ragionando. Ragioniamo però solo su alcune situazioni specifiche, dove l’utilizzo della mascherina sia effettivamente richiesto. E mi riferisco a quando si sta in ambienti che, per necessità, non ci permettono di mantenere le distanze. Io non credo sia obbligatorio indossare sempre e comunque le mascherine. 

Ho letto di polemiche per l’assembramento di oggi, in occasione dell’arrivo dei nuovi infermieri. Tutti indossavano le mascherine e quindi si poteva stare anche più vicini di un metro. Se non avessimo avuto le mascherine allora sarebbe stato necessario stare a oltre un metro di distanza. Questo per evitare assurde e inutili polemiche”.

Sonia Viale

“Trenta medici, 100 infermieri e 120 Oss. Questi sono i bisogni della nostra sanità per l’emergenza Coronavirus. 

Intendiamo tracciare un percorso per garantire un riconoscimento economico a chi ha prestato il proprio servizio nelle nostre strutture sanitarie.

Voglio ringraziare la Polizia di Stato e la Polizia Locale che ci controllano nei nostri spostamenti. Sono state fermata nella giornata di oggi a bordo della mia Panda, dalla Polizia Stradale. Con grande cortesia mi hanno chiesto chi fossi. Se questo è l’atteggiamento e questa è la cortesia, li ringrazio per questo prezioso lavoro. Li ringrazio anche per l’inflessibilità nel caso in cui le risposte delle persone controllate non siano coerenti con i dispositivi governativi“.

Giacomo Giampedrone

“Oggi è stata giusta e doverosa l’accoglienza ai dieci infermieri arrivati in Liguria per far manforte al nostra sistema sanitario. Sono già stati distribuiti nei presidi sanitari a seconda delle necessità.

Per quanto concerne le mascherine, sono arrivate circa 2 milioni di chirurgiche, e 150 mila FFP2. Siamo impegnati a organizzare la distribuzione a tutti i cittadini della Liguria. Sono tantissime le domande. Entro metà settimana saremo in grado di fornire un preciso piano di distribuzione. 

Il nostro piano complessivo, lo ricordo, è di 5 milioni di mascherine. Ne arriveranno quindi altre. Tre milioni di chirurgiche e oltre un milione di FFp2″. 

Ilaria Cavo

“Il giorno di Pasqua abbiamo pensato, con il presidente Toti, a un evento per tutti i liguri. Un concerto con il Soprano Francesco Meli, insieme ad alcuni tenori e soprani, accompagnati da un pianista, nella cattedrale di Genova. Intorno alle 12.30″.

Gli aggiornamenti sul coronavirus in diretta dalla Regione Liguria

Gli aggiornamenti sul coronavirus in diretta dalla Regione Liguria

Pubblicato da Giovanni Toti su Domenica 5 aprile 2020

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!