Imperia: 5G, il Comune di Dolcedo contro la sperimentazione. “Prioritaria la salute pubblica dei concittadini”

Attualità Entroterra

L’argomento è particolarmente sentito nell’imperiese dato che, tra i comuni individuati dalla società AgCom per testare il nuovo servizio, c’è anche il Comune di Prelà.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

“Esprimiamo chiaramente ed inequivocabilmente la contrarietà alla sperimentazione della tecnologia 5G sul territorio comunale”. Lo ha stabilito il Consiglio Comunale di Dolcedo, nel corso della seduta dell’8 giugno 2020, approvando all’unanimità una Delibera di indirizzo politico sull’argomento.

Imperia: 5G, il Comune di Dolcedo contro la sperimentazione sul territorio

La sperimentazione della nuova tecnologia 5G sta facendo molto discutere in tutta Italia. L’argomento è particolarmente sentito nell’imperiese dato che, tra i comuni individuati dalla società AgCom per testare il nuovo servizio, c’è anche il Comune di Prelà.

“Il Consiglio Comunale, sulla scorta del principio di precauzione sancito dal diritto comunitario e dall’art.3-ter del D.Lgs. n.152/2006, impegna il Sindaco, nella sua qualità di massima Autorità Sanitaria locale e in veste di ufficiale di Governo, ad adottare tutti i provvedimenti di competenza al fine di evitare possibili rischi per la salute pubblica dei nostri concittadini.

In attesa di sufficienti evidenze scientifiche idonee a sancirne l’eventuale (ovviamente auspicata) innocuità il Consiglio Comunale chiede al Sindaco di astenersi per il futuro dall’autorizzare, asseverare e dare esecuzione a progetti relativi a nuove attività tecnologiche che possano condurre ad un aggravamento delle condizioni di insalubrità ambientale.

Con questa Delibera si intendono inoltre sancire i valori di tutela della salute pubblica come imprescindibili e prioritari rispetto ad ogni altra azione e/o intervento sul territorio, ancorché finalizzato al progresso tecnologico, facendo proprio il principio secondo cui non è accettabile una “scienza senza coscienza””.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!