Crisi idrica golfo dianese: rabbia Confcommercio. “Situazione vergognosa. Non solo siamo senza acqua, ma la paghiamo come fosse oro”

Attualità Golfo Dianese

Crisi idrica, interviene la presidente della Confcommercio del Golfo Dianese Franca Weitzenmiller

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

Non solo il Golfo Dianese è ancora una volta senz’acqua, ma la paghiamo come fosse oro. È una cosa vergognosa”. Franca Weitzenmiller, presidente della Confcommercio del Golfo Dianese, non trattiene la rabbia di fronte alla disastrosa situazione venutasi a creare a seguito dell’ennesima, grave rottura dell’acquedotto del Roja, che, in una stagione ancora caratterizzata dalla folta presenza turistica, costringe all’impiego delle autobotti.

Sottolinea la presidente Weitzenmiller: «Il 4 marzo scorso avevamo scritto a Rivieracqua e alla Provincia, dopo due incontri organizzati dalla nostra Associazione con alcuni rappresentanti di Rivieracqua, per denunciare le gravi carenze nel servizio e contemporaneamente le bollette idriche ricevute dalle aziende del comprensorio del Golfo dianese, contenenti cifre astronomiche.

Avevamo chiesto allora e lo ribadiamo oggi, un ricalcolo al ribasso delle tariffe, anche in considerazione del fatto che nelle bollette venivano indicati consumi abnormi, distanti dalla realtà. Ora ci troviamo di fronte a una situazione insostenibili, con turisti e residenti costretti a fare la fila alle autobotti per rifornirsi di acqua e i commercianti che non possono lavorare.

È giunto il momento che le istituzioni intervengano per risolvere con la massima urgenza e in modo definitivo questa situazione inaccettabile non soltanto per un territorio vocato al turismo, ma, in generale per qualunque Paese civile”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!