Imperia: assessore Laura Gandolfo boccia altalena disabili al Parco Urbano. “Poco inclusiva e pericolosa. Si può installare un nuovo gioco”

Attualità Imperia

Queste le parole dell’Assessore del Comune di Imperia, Laura Gandolfo, in merito all’altalena inclusiva del Parco Urbano

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!

“Ci tengo a fare chiarezza sul problema dell’altalena installata al Parco Urbano nel 2017. Già allora alcuni genitori avevano ravvisato la pericolosità della stessa, che è stata peraltro teatro di numerosi incidenti sia ad Imperia che in altre città dove è stata rimossa da molti parchi.

Dopo averla smontata, l’Amministrazione ha comunque cercato un tecnico che, una volta rimontata, ne certificasse la conformità normativa e, ahimè, non lo abbiamo trovato, mancando questo gioco di una certificazione già dall’origine. È in pratica un gioco che può essere installato solo in parchi sorvegliati” – Queste le parole dell’Assessore del Comune di Imperia, Laura Gandolfo, in merito all’altalena inclusiva del Parco Urbano.

Rimossa per permettere i lavori di riqualificazione dell’area, l’associazione “Giraffa a Rotelle” aveva chiesto di poterla installare nuovamente, nei pressi del bar del Parco Urbano.

Altalena inclusiva al Parco Urbano: parla l’assessore Laura Gandolfo

“Ho proposto ai componenti dell’associazione l’installazione di un nuovo gioco inclusivo senza peraltro “buttare” questo, che potrebbe essere serenamente installato nei giardini dell’Isah dove sono presenti gli educatori. La Giraffa ha però rifiutato la proposta in quanto “affettivamente” legata proprio a quell’altalena.

Gli uffici stanno quindi lavorando all’unica alternativa possibile: concedere uno spazio in concessione gratuita gestito dalla stessa in cui potrà installare l’altalena ed utilizzarla in modo esclusivo garantendone la sicurezza.

Ovviamente rimane la possibilità, già prospettata, di installare un nuovo gioco davvero inclusivo, a differenza di quello attuale, con la finalità di non creare divisioni tra ragazzi disabili e bambini normodotati”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione





 

Aiutateci ad informarvi!