27 Febbraio 2024 20:59

Cerca
Close this search box.

27 Febbraio 2024 20:59

Imperia: autopsie fantasma, l’Asl dovrà reintegrare la dott.ssa Del Vecchio. “Licenziamento illegittimo”/La sentenza

In breve: Il Tribunale ha accolto il ricorso presentato dai legali di Simona Del Vecchio, gli avvocati Marco Bosio e Pier Franco Raffaelli.

Il licenziamento della dott.ssa Simona Del Vecchio, ex dirigente della struttura complessa di medicina legale dell’Asl 1 imperiese, fu illegittimo. Questa la sentenza, per certi versi clamorosa, pronunciata questa mattina dal Giudice del lavoro del Tribunale di Imperia Francesca Siccardi.

Imperia: Simona Del Vecchio vince causa di lavoro contro l’Asl

Il Tribunale ha accolto il ricorso presentato dai legali di Simona Del Vecchio, gli avvocati Marco Bosio e Pier Franco Raffaelli, ordinando all’Asl il reintegro immediato e il pagamento di tutti gli arretrati, dal 2016 ad oggi. 

Il motivo? L’Azienda Sanitaria Locale licenziò la dott.ssa Del Vecchio subito dopo la misura interdittiva disposta dal Gip, nell’ambito dell’inchiesta sulle cosiddette “autopsie fantasma”, mentre avrebbe dovuto attendere almeno il primo grado di giudizio.

Simona Del Vecchio, lo ricordiamo, era stata travolta, così come l’intera struttura complessa di medicina legale, di cui era responsabile, dall’inchiesta sulle autopsie fantasma.

Peculato (indebito utilizzo dell’autovettura di servizio), Truffa ai danni dello stato (false certificazioni prodotte attestanti lo svolgimento dell’attività di servizio) e Falso ideologico (per aver certificato la morte di alcune persone trovandosi in altro luogo nel momento della redazione del prescritto certificato) le accuse.

Simona Del Vecchio fu condannata in primo grado a 6 anni e 6 mesi di reclusione, sentenza poi ridotta in Appello, nel febbraio del 2020, a 2 anni e 11 mesi di reclusione. La II sezione penale della Corte di Appello di Genova, inoltre, ridusse a 1 anno l’interdizione dai pubblici uffici e dimezzò la provvisionale, da 80mila a 30mila euro di risarcimento danni. Il giudizio in Cassazione è invece ancora pendente.

Condividi questo articolo: