Imperia: rissa via Schiva, in aula la verità del 30enne arrestato. “Io, aggredito senza motivo da due sconosciuti. Mai picchiato la mia ragazza”

Giudiziaria Imperia

L’arresto, per resistenza, è stato convalidato e disposto l’obbligo di firma. Il 30enne ha raccontato di una precedente aggressione.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Arresto convalidato e obbligo di firma. Questo l’esito della direttissima tenutasi in Tribunale a Imperia, ieri, 24 maggio, per l’arresto, per resistenza, sabato notte in via Schiva, da parte dei Carabinieri, di un 30enne.

Imperia: rissa via Schiva, in aula la verità del 30enne arrestato

Davanti al giudice Francesca Minieri il 30enne, difeso dall’avvocato Carlo Fossati, del foro di Imperia, ha ammesso di aver bevuto alcolici e ha chiesto scusa per aver colpito i militari con alcuni calci. Il giovane, al contempo, ha spiegato però di aver agito in uno stato di profonda alterazione in quanto malmenato, prima dell’arrivo dei Carabinieri, da due giovani, poi fuggiti.

Il 30enne ha spiegato che i due aggressori sarebbero intervenuti per sedare una lite con la fidanzata, mai sfociata, però, secondo il 30enne, in atti di violenza. Tra i due ci sarebbe stato solo un confronto acceso, a voce alta, ipotesi confermata dalla giovane, sentita a sommarie informazioni dai Carabinieri.

Nonostante la ragazza avesse invitato i due aggressori ad allontanarsi, questi ultimi avrebbero colpito più volte il 30enne, provocandogli lesioni al viso e al braccio. Anche la fidanzata sarebbe stata colpita, nel tentativo di difendere il compagno, per fortuna senza gravi conseguenze. All’arrivo dei militari i due aggressori, secondo il racconto del 30enne, si sarebbero poi dileguati, lasciando il giovane sanguinante in mezzo alla strada.

 

 

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!