Vaccino Astrazeneca: morte Camilla Canepa, inchiesta per omicidio colposo. “Soffriva di una malattia autoimmune del sangue”/Il caso

Coronavirus Cronaca

I Carabinieri del Nas di Genova stanno acquisendo le cartelle cliniche e la corposa documentazione medica della studentessa.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Camilla Canepa, la 18enne morta all’Ospedale San Martino di Genova dopo essersi vaccinata con Astrazeneca, soffriva di piastrinopenia autoimmune familiare (provoca carenza di piastrine) e assumeva una doppia terapia ormonale. 

Covid, Liguria: morte Camilla Canepa dopo vaccino Astrazeneca, si indaga per omicidio colposo

I Carabinieri del Nas di Genova stanno acquisendo le cartelle cliniche e la corposa documentazione medica della studentessa. Obiettivo degli investigatori, si indaga per omicidio colposo, è capire se le patologia fosse stata o meno dichiarata nelle schede consegnate prima della somministrazione del vaccino.

La carenza di piastrine, infatti, associata a trombi cerebrali, è una delle reazioni al vaccino AstraZeneca, tanto che si parla di “trombocitopenia trombotica immunitaria indotta da vaccino” (VITT).

Gli inquirenti (Pm Stefano Puppo e Francesca Rombolà, coordinati dal procuratore aggiunto Francesco Pinto) vogliono anche capire anche se la ragazza avesse comunicato la propria patologia all’Ospedale di Lavagna, dove si presentò una prima volta, il 3 giugno, con cefalea e fotofobia (Tac cerebrale e esame neurologico negativi), e una seconda volta il 5 giugno, con deficit motori (Tac cerebrale con esito emorragico e immediato trasferimento all’Ospedale San Martino di Genova).

Di fatto, dunque, i Magistrati sono al lavoro per capire se vi siano state mancanze o omissioni sia prima del vaccino che nelle successive visite al Pronto Soccorso o se, al contrario, la morte di Camilla sia tragica fatalità, tanto dolorosa quando imprevedibile.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!