Imperia: analisi Arpal ok, sindaco Scajola revoca divieto balneazione tra Borgo Prino e Borgo Cappuccini

Attualità Imperia

Il tratto di litorale era stato ritenuto non idoneo alla balneazione nella giornata di mercoledì.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Revocato il divieto di balneazione tra Borgo Prino e Borgo Cappuccini dopo che le analisi dell’Arpal hanno dato esito positivo. Ad annunciarlo il Sindaco Claudio Scajola. Il tratto di litorale era stato ritenuto non idoneo alla balneazione nella giornata di mercoledì.

Restano invece non ancora balneabili le spiagge di Borgo Prino in attesa delle nuove analisi dell’Arpal

Ho appena firmato il provvedimento – fa sapere il primo cittadino – di revoca del divieto di balneazione tra Borgo Prino e Borgo Cappuccini. La ripetizione delle analisi effettuate dall’ARPAL ha dato esito favorevole per tutti i parametri previsti. Attendiamo già per le prossime ore lo stesso provvedimento per il resto della zona.

Abbiamo preso in carico sin da subito la situazione, attivandoci con quelli che sono gli strumenti a disposizione del Comune. Abbiamo verificato in tempo reale l’assenza di problemi alle stazioni di sollevamento e alle fognature di emergenza. Riteniamo che le problematiche verificatesi nei giorni scorsi siano state dovute, con buona probabilità, agli importantissimi lavori di protezione della costa in corso su tutto il litorale cittadino.

Sono lavori che non possono essere rinviati perché altrimenti perderemmo i finanziamenti milionari che con competenza e tenacia siamo riusciti ad ottenere

Ahimè, ancora una volta, ho assistito in questi giorni alla vecchia e cattiva abitudine di parlare senza conoscere le questioni. La mia Amministrazione può rivendicare con orgoglio interventi per oltre due milioni di euro sulla manutenzione straordinaria della rete fognaria in questi tre anni. Abbiamo risolto criticità enormi che si trascinavano da molto tempo.

Il fatto che non si vedano, perché i lavori sulle fogne non sono appariscenti come quelli ai Portici o al Tiro al Volo, non significa che non vengano fatti.

C’è ancora tanta strada da compiere perché la situazione che abbiamo ereditato, anche su questo tema, era drammatica. Ma riconoscere che ci sono ancora problemi da risolvere non deve essere confuso con un generico “fa tutto schifo”. Viceversa non si fa un dispetto al sindaco, si dimostra solo di non voler bene a Imperia”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!