Imperia: caos in psichiatria, parlano i sindacati. “Reparto non è un carcere, serve immediata riorganizzazione”

Attualità Imperia

Le preoccupazioni di Riccardo Ronca (Uil), Tiziano Tomatis (CGIL), Nico Zanchi (CISL) dopo che tre pazienti hanno aggredito il personale sanitario e devastato il reparto.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

“Il reparto di psichiatria non è un carcere e gli infermieri non sono agenti di polizia penitenziaria. Lo dichiarano i sindacati Riccardo Ronca (Uil), Tiziano Tomatis (CGIL), Nico Zanchi (CISL), in riferimento all’episodio avvenuto nel pomeriggio di oggi presso il reparto Spdc di Psichiatria dell’Ospedale di Imperia, dove tre pazienti hanno aggredito il personale sanitario e provocato danni alla struttura.

Imperia: caos nel reparto di psichiatria, parlano i sindacati

“Un episodio gravissimo – dichiarano i sindacati a ImperiaPost – Noi da tempo siamo molto preoccupati per l’incolumità sia dei pazienti sia degli operatori sanitari.  Il problema è che vengono ricoverati nel reparto Spdc dell’Ospedale di Imperiapazienti che nulla hanno a che fare con la psichiatria e che dovrebbero rimanere sotto il controllo delle forze dell’ordine.

Il reparto Spdc dovrebbe essere solo per i TSO. Non è un carcere e infermieri e OSS non sono agenti di polizia penitenziaria. Determinati pazienti possono causare danni sia ai ricoverati che al personale sanitario.

Le organizzazioni sindacali chiedono con forza una riorganizzazione della struttura psichiatrica, garantendo servizi che non ricadano sui lavoratori.

Ci preme comunque sottolineare che come sindacati eravamo presenti sul posto e che la direzione sanitaria è prontamente intervenuta”.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!