Imperia: obbligo green pass, controlli senza intoppi in Comune. L’appello del Sindaco Scajola. “A chi sciopera, non seguite i cattivi maestri” / Foto e video

Attualità Imperia

In Comune non si registrano criticità legate all’introduzione dell’obbligo del green pass per i lavoratori.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!

Non si registrano particolari intoppi in Comune a Imperia dopo l’introduzione, scattata alla mezzanotte di oggi, venerdì 15 ottobre, dell’obbligo del green pass per tutti i lavoratori (sia nel settore pubblico che nel settore privato).

All’ingresso del palazzo civico, gli addetti preposti controllano la regolarità delle certificazioni verdi dei dipendenti che accedono senza problematiche nè code. Analoga situazione si verifica presso la De Vizia, l’azienda che gestisce il servizio di igiene urbana, i cui dipendenti risultano tutti in possesso di green pass. Per quanto riguarda la Riviera Traporti, non si registrano particolari disagi, in quanto i lavoratori privi di certificazione, che oggi non hanno preso servizio, hanno avvisato l’azienda che si è organizzata per garantire la regolarità dei trasporti (anche se alcune corse sono comunque saltate).

Diversa la situazione al Palasalute di Imperia, dove lo sciopero di alcuni dipendenti ha causato la chiusura forzata di laboratori e reparti della struttura, generando code e malumori. Disagi che si stanno risolvendo con il passare delle ore. La situazione maggiormente critica riguarda il Comando dei Vigili del Fuoco di Imperia, dove numerosi pompieri, provenienti anche dai comandi di Sanremo e Ventimiglia, hanno preso parte a un presidio di protesta contro il green pass. 

Nel primo pomeriggio di oggi, alle 15.30, è prevista una manifestazione “No green pass” in piazza San Giovanni, a Oneglia.

Imperia, obbligo green pass per i lavoratori pubblici e privati. Parla Sindaco Claudio Scajola

All’ingresso in Comune, presente anche il Sindaco di Imperia Claudio Scajola che, dopo aver mostrato come tutti gli altri dipendenti il proprio green pass agli addetti, ha rilasciato alcune dichiarazioni agli inviati di ImperiaPost.

Si sta svolgendo tutto senza problemi in Comune?

“Non si creano nemmeno code, questa app è puntuale e veloce. Si fa presto, si rispetta una norma prevista.

Quando ci sono le emergenze si rispettano le regole, credo che questo green pass possa aver contribuito a moltiplicare i vaccini.

Speriamo sia così, abbiamo bisogno di riprendere la vita normale. Per riprenderla facciamoci questo vaccino”.

Cosa si sente di dire a chi protesta?

“Che bisogna avere buonafede, seguire gli scienziati. Se c’è uno scienziato in malafede, oppure ignorante, che dice una sciocchezza, contro milioni di scienziati che dicono tutti che il vaccino è l’unico rimedio contro questo virus maledetto e che non è assolutamente pericoloso. Anzi che è il vaccino più sicuro tra quelli fatti.

Allora ognuno prenda coscienza di questo, non moltiplichiamo via internet delle false notizie che spaventano le persone serie. Dobbiamo cercare di dialogare con le persone che si preoccupano, per spiegargli che è utile per noi stessi, per le persone a cui vogliamo bene e per gli altri.

Viviamo in una società e dobbiamo condividere la gioia e i doveri che ciascuno di noi deve avere”.

A Trieste è stato annullato il blocco del porto, però c’è lo sciopero. È preoccupato della situazione italiana?

“Io mi fido del presidente Draghi che ha deciso una linea, che si porta avanti con coerenza, un messaggio chiaro, preciso, suffragato da statistiche e dagli scienziati.

È il primo giorno, qualche problema c’è. Non mi pare siano preoccupanti e poi si assesterà”.

Vuol fare un appello alle persone che decideranno di partecipare alla manifestazione di oggi contro il green pass?

“Cerchiamo di non seguire i cattivi maestri e i falsi profeti. Ce ne sono sempre stati nella storia. I cattivi maestri e i falsi profeti hanno sempre portato solo dei guai“.

Sostieni ImperiaPost con una piccola donazione

 

Aiutateci ad informarvi!