Diano Marina: approvato il bilancio, critico Rifondazione Comunista. “Da brivido, tagli ovunque. Per il futuro prevediamo lacrime e sangue”

Golfo Dianese Politica

Cosa prevediamo per il 2022: Lacrime e sangue” – Queste le parole del partito della Rifondazione Comunista – Circolo Dianese “Gian Battista Acquarone”, per commentare il nuovo bilancio di previsione approvato dall’amministrazione guidata da Cristiano Za Garibaldi. 

Diano Marina: le considerazioni di Rifondazione Comunista sul bilancio di previsione

“Con un bilancio di previsione ridotto a 20 milioni di € (10 M in meno) , l’ amministrazione comunale di Diano Marina conferma le più pessimistiche previsioni: tagli, tagli, tagli, ai servizi per i cittadini ed alle forme essenziali della cittadinanza.

  • Investimenti per il personale e per migliorare la funzionalità dei servizi: – 260.000 € (meno duecentosessanta mila euro)
  • Sport: -289.000 €, cioè zero; lo scorso anno l’ investimento era appunto di 289.000 €
  • Tutela della Salute: zero
  • Politiche del Lavoro e formazione professionale: zero
  • Agricoltura e Pesca: zero
  • Diversificazione fonti energetiche: zero
  • Associazionismo: zero
    Istruzione prescolastica (Asili): -17.000 € (meno diciassette mila euro)
  • Istruzione Media e Superiore: -18000 € (meno diciottomila euro)
  • Cultura: – 81.000 € (dimezzata: meno ottantuno mila euro)
  • Servizi sociali: – 100.000 € (meno cento mila euro)
  • Servizi Cimiteriali: – 32.000 € (meno trentadue mila euro)
  • Servizi per i disabili: zero
  • Famiglie ed Anziani : zero
  • Lavori pubblici e viabilità: praticamente azzerati

Ovviamente parte dei tagli è anche conseguenza dei mancati trasferimenti da parte degli Enti Regionali e Statali: ed in tal caso forse sarebbe il caso di informarne chiaramente i cittadini spiegando bene in che modo il Governo di “salute pubblica” intende utilizzare i miliardi del Recovery plan.

“Recovery” è infatti parola che il capitalismo traduce sempre come “risanamento dell’economia, risanamento del bilancio”, cioè operazione di tagli a tutto ciò che non è immediatamente identificabile con il profitto di pochi.

Mentre in realtà significa guarigione: i guariti dal Covid si indicano come “recovered”. Ed il Piano di Guarigione da una malattia sociale consiste esattamente nel finanziamento sociale, non certo nell’ azzeramento di cultura, associazionismo, sport, asili, sostegno alle famiglie ed agli anziani.

E poi non è solo colpa dei mancati trasferimenti, visto che il comune di Diano Marina ha visto lo scorso anno un incremento delle entrate tributarie di 600.000 €.

L’amministrazione Za, con la complice astensione della Lista Civica Diano Marina (Bellacicco), ha approvato un bilancio di previsione per il 2022 da brivido: la premessa necessaria per garantirsi iniziative speculative a vantaggio dei soliti noti sulle spalle del commercio di prossimità e delle esigenze di servizi decenti per i cittadini”.