Guerra in Ucraina: anche l’asilo di Pontedassio si mobilita con una raccolta solidale, accolto l’appello di Antonello Martini/Le immagini

Attualità Cultura e manifestazioni Entroterra Guerra

Anche l’asilo di Pontedassio si mobilita per aiutare la popolazione dell’Ucraina, messa a ferro e fuoco dall’invasione della Russia di Putin. Le insegnati, infatti, hanno risposto all’appello del Dott. Antonello Martini, a San Bartolomeo al Mare e hanno avviato una raccolta solidale, che terminerà venerdì 4 marzo.

Anche l’asilo di Pontedassio si mobilita per aiutare la popolazione Ucraina

“Il Covid ci ha spaventati, allontanati: nessuno si è sentito al sicuro e, nonostante dicano che i casi stanno diminuendo, stiamo ancora “a distanza” e ci sentiamo più soli. Come se ciò non bastasse, negli ultimi giorni l’orribile notizia: la guerra in Ucraina.

Tutti abbiamo amici, parenti o conoscenti che stanno vivendo questo momento in prima persona. Il rischio è di impaurirci ancor di più, deprimerci. Invece, proprio l’amore, il volersi aiutare ha fatto sì che un così triste momento facesse scaturire una solidarietà vera, spontanea.

Tutto è iniziato dall’idea di un’insegnante della scuola dell’infanzia di Pontedassio: “ Che ne dite se facessimo una raccolta solidare per le persone e colpite dalla guerra ? “. Le colleghe hanno immediatamente approvato, coinvolgendo le mamme, nonni, papà dei piccoli alunni.

Tante persone ( anche abitanti del paese) hanno portato vari beni necessari per la sopravvivenza di coloro che sono stati colpiti dal conflitto specialmente i bambini.

Venerdì pomeriggio, tutto ciò che riguarda questa raccolta solidale, sarà portato presso lo studio del Dott. Martini Antonello a San Bartolomeo al Mare e da lì partirà per poter dare un po’ di sostentamento a chi, in questo periodo, sta attraversando un momento molto difficile. Un piccolo arcobaleno per dire no alla guerra e pace nel mondo”.