Ventimiglia: caduta amministrazione Scullino, intervista all’europarlamentare Campomenosi (Lega). “Visioni diverse sul centro profughi, proseguiremo il nostro percorso”

Politica

C’è anche Gaia Ammirati, di ImperiaPost, tra i giornalisti liguri che in questi giorni si trovano a Bruxelles con il programma Erasmus per frequentare un corso gratuito di approfondimento delle istituzioni europee e delle tecniche di giornalismo applicate nel lavoro del corrispondente estero, organizzato dall’Ordine dei Giornalisti della Liguria e finanziato dal Programma eurozpeo Erasmus+.

La nostra inviata ha realizzato una serie di interviste a Parlamentari Europei liguri su temi di stretta attualità. Tra gli argomenti trattati anche la caduta dell’amministrazione Scullino, a Ventimiglia, con le firme dei consiglieri dimissionari di Lega e Partito Democratico. 

A rispondere alla nostra collega Marco Campomenosi, europarlamentare della Lega.

Marco Campomenosi

“Ricordo le elezioni di Scullino, ricordo l’entusiasmo che si creò in quella situazione. La Lega accettò di buon grado la candidatura di Scullino proprio per ciò che era accaduto nella sua vicenda politica. Però erano emerse delle difficoltà a compiere insieme un percorso perchè tutti i sindaci di forte carattere devono comprendere che bisogna lavorare insieme.

C’erano diverse questioni in ballo, anche una diversa visione sulla necessità o meno di istituire a Ventimiglia un centro di presunti profughi, mentre noi crediamo che quella zona stia già pagando tantissimo anche in termini di immagine. È chiaro che non c’era una responsabilità solo del Sindaco, anzi, perchè sono anche le Autorità nazionali che ci devono venire incontro.

Ho sentito sia Edoardo Rixi sia Flavio Di Muro e c’è la volontà di continuare un percorso. Immagino che verrà istituito un commissariamento, ma prima possibile andremo a elezioni.

Sono cose che succedono nell’ambito di una situazione, quella dell‘alleanza di centrodestra in Liguria, che però secondo me offre un quadro molto positivo anche rispetto ad alcune criticità nazionali. A Genova abbiamo chiuso la giunta in pochi giorni.

In un quadro in cui il centrodestra dimostra di non voler prestare il fianco a speculazioni politiche per lavorare nell’interesse dei cittadini, c’è stato il caso Ventimiglia, ma la cosa positiva è che la questione l’abbiamo aperta e chiusa in pochi giorni, perché se non si riesce ad andare avanti è giusto fare così.

Scullino ha detto che adesso si blocca una serie di progetti, in realtà non è così. Le cose avviate andranno avanti, Ventimiglia potrà continuare a partecipare ai bandi, non si ferma tutto, assolutamente”.