Ventimiglia: cade l’Amministrazione Scullino. Depositate le firme per le dimissioni dei consiglieri. Scatterà il commissariamento

Politica

Il destino dell’Amministrazione comunale di Ventimiglia guidata dal sindaco Gaetano Scullino è ormai segnato. Nella tarda mattinata di oggi il numero di consiglieri con dimissioni depositate è salito a dieci e questo significa la fine dell’Amministrazione e il commissariamento del Comune.

Hanno firmato le dimissioni dieci consiglieri di maggioranza e opposizione

Ieri sera avevano già depositato le firme per le dimissioni otto consiglieri: i sei esponenti dell’opposizione e i leghisti Roberto Nazzari e Domenico Calimera.

Non sembra invece intenzionato a firmare il presidente del Consiglio comunale Andrea Spinosi, anche lui esponente della Lega. Ma, aggiungendo la firma di Massimo Giordanengo (Lega) e quella del consigliere Bartolomeo Ino Isnardi, al quale il suo partito, Fratelli d’Italia, ha dato disposizione in questo senso, il numero di consiglieri dimissionari è salito a dieci ed è sufficiente a decretare la fine dell’Amministrazione comunale.

Le firme dei consiglieri comunali di maggioranza e opposizione sono arrivate dopo ripetuti annunci di dimissioni da parte del sindaco Gaetano Scullino, senza però alcun seguito. Scullino, anzi, in ultimo ha cercato di far slittare di un mese le sue eventuali dimissioni.

Dopo le ultime firme depositate oggi, il primo cittadino ha preso atto della situazione ed ha lasciato il suo ufficio a Palazzo comunale, dove anche oggi si era recato nell’intento di proseguire il suo lavoro.