Imperia: Asl 1, si congeda il direttore generale Silvio Falco. “Dimissioni? Motivi personali, cambio vita”/Video

Attualità Imperia

“Le mie dimissioni? Motivi personali. Ho scelto di fare un’altra vita. Così Silvio Falco, direttore generale della Asl1 imperiese, dimissionario, nella sua ultima uscita ufficiale questa mattina presso l’aula magna del Polo Universitario Imperiese, a margine della conferenza stampa di presentazione della strumentazione Abbott per i laboratori analisi dei presidi ospedalieri di Bordighera, Sanremo e Imperia

Imperia: ultima uscita pubblica di Silvio Falco al vertice dell’Asl 1 Imperiese

Falco, che verrà sostituito dal nuovo direttore generale, Luca Filippo Maria Stucchi, il 5 settembre, si è dimesso nel giugno scorso con una lettera inviata al Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. Ufficialmente per motivi personali, ma secondo i rumors Falco avrebbe deciso di lasciare il proprio incarico  in contrasto con Toti per quel che riguarda la privatizzazione dell’Ospedale Saint Charles di  Bordighera. 

A inizio aprile, infatti, Falco aveva scritto una lettera al Governatore della Liguria per chiedere ufficialmente  lo stop alla privatizzazione del nosocomio bordigotto, in particolare alla cessione al gruppo Iclas del colosso romagnolo Villa Maria (conta una trentina di strutture in Italia e all’estero, in Liguria proprietario della casa di cura di Rapallo, specializzata cardiochirurgia). Una versione che l’ormai ex direttore generale ha smentito anche questa mattina. 

Falco, in passato direttore delle Molinette di Torino, aveva preso servizio nell’imperiese nel gennaio 2021, in piena emergenza Covid. Questa mattina ha tracciato un bilancio dei suoi due anni alla direzione dell’Asl 1 Imperiese. 

Ringrazio tutti gli amministratori locali che mi sono stati vicini, dei comuni più grandi, ma anche di quelli più piccoli che si sono messi a vento per realizzare le piazzole dell’elisoccorso che ritengo un elemento importante per dare garanzie sulle patologie tempo dipendenti, soprattutto nelle realtà periferiche dell’entroterra.

Sono stati due anni caratterizzati da varie ondate Covid. Il 2021, in particolare sulla campagna vaccinale. Proprio questa mattina, in conferenza dei Sindaci, illustravo i bilanci che ci vedono per il secondo anno consecutivo, 2020 e 2021, con un pareggio, senza avere inciso sulle risorse umane. Dove siamo risuciti abbiamo mantenuto il personale perché crediamo sia fondamentale per il servizio che offriamo.

Addio dovuto alla privatizzazione dell’Ospedale di Bordighera? No, motivi personali. Ho scelto di fare un’altra vita.”.