Diano Marina: il Consiglio comunale approva il Bilancio di previsione e il Regolamento per la gestione dei rifiuti

Attualità Golfo Dianese

In apertura di Consiglio il consigliere Marcello Bellacicco ha letto una comunicazione per riferire dell’interdizione dai pubblici uffici per un anno della commissaria dell’Ambito idrico Gaia Checcucci, disposto dalla magistratura di Roma.

In apertura dei lavori, intervento di Marcello Bellacicco sull’inchiesta romana che coinvolge il commissario dell’Ato idrico Gaia Checcucci

Dice Bellaccico: “La fiducia piena ed incondizionata nei confronti della Commissario, espressa dal Sindaco Za Garibaldi, a sostegno della privatizzazione della Società, subisce oggi un durissimo colpo in termini
di credibilità, sia sotto l’aspetto tecnico ma, soprattutto, sul piano morale”.
E ha concluso: “Nutriamo la speranza che quest’ennesima prova di malaffare induca, finalmente, l’Amministrazione comunale di Diano Marina ad una responsabile presa di coscienza, che il delicato settore dell’approvvigionamento idrico debba essere gestito in tutt’altra maniera“.

Approvazione del Regolamento comunale per la gestione dei rifiuti

Il Consiglio è poi entrato nel vivo, affrontando l’approvazione del Regolamento comunale per la gestione integrata dei rifiuti urbani e degli altri servizi di Igiene ambientale.

Spiega l’assessore all’Ambiente Barbara Feltrin: “Il Regolamento va a sostituire le norme precedenti e a normare in dettaglio il servizio, in base a quanto previsto nel capitolato di gara. Noi abbiamo un servizio misto, con porta a porta e prossimità con cassonetti ad accesso controllato.

Il Regolamento prevede le modalità per il conferimento dei rifiuti e anche la parte relativa alle sanzioni, che sono state riprese integralmente dal Decreto legislativo. Siamo in una fase iniziale e difficile del nuovo servizio e abbiamo ritenuto di non alzare i minimi delle sanzioni, per consentire a tutti di abituarsi al nuovo servizio, senza ritrovarsi con sanzioni esorbitanti. Le sanzioni hanno un minimo di 25 euro”.

Dall’opposizione il consigliere Francesco Parrella ha lamentato i tempi lunghi per la presentazione del Regolamento, atteso da un anno ed ha annunciato una futura mozione per delineare le parti del Regolamento giudicate imprecise e le lacune del documento.

Il Regolamento è stato approvato con i voti della maggioranza. Allo stesso modo l’adesione alle iniziative di Coldiretti contro il cibo sintetico. Approvata poi una variazione di bilancio e la nota di aggiornamento al  Documento unico di programmazione (Dup) periodo 2023 – 2025.

Approvazione del Bilancio di previsione finanziario 2023 – 2025, che chiude a pareggio, sfiorando i 26 milioni di euro

Spiega l’assessore Luca Spandre: “Anche quest’anno portiamo il Bilancio di previsione al voto entro la fine dell’anno, scongiurando così l’esercizio provvisorio e di questo sono orgoglioso. L’esercizio provvisorio infatti limita terribilmente l’attività dell’Amministrazione e di questo risultato ringrazio tutti gli uffici.

Non sono previsti nuovi mutui e le entrate tributarie non subiscono modifiche. Fra le spese ci sono voci per spese dalle quali non si può prescindere per il funzionamento dell’Ente e spese in conto capitale per opere strategiche.

Il Bilancio chiude in pareggio per 25 milioni 776 mila 919 euro. Le spese correnti ammontano a 11 milioni e a 7 milioni quelle in conto capitale”.

Critiche sul Bilancio di previsione sono state sollevate dal consigliere d’opposizione Parrella, che ha lamentato la mancanza di fondi per le famiglie e per il sociale. Per Parrella “è un bilancio fiacco perché non c’è uno sprint dal punto di vista di opere strategiche“.

A Parrella ha replicato l’assessore Spandre, smentendo le affermazioni dell’esponente di opposizione e assicurando la presenza di fondi per il settore Sociale e di opere pubbliche importanti.

Il Bilancio di previsione è stato quindi approvato con i voti della maggioranza e il Consiglio è passato ad affrontare la questione dell’affidamento alla Gestioni Municipali del servizio di supporto dell’attività di accertamento e riscossione del Canone unico patrimoniale (Cup), con l’approvazione del relativo schema di convenzione.

Sull’affidamento alla Gm della riscossione del Cup i consiglieri Parrella e Bellacicco hanno posto la questione pregiudiziale, contestando il fatto che la stessa Gm non sia iscritta all’Albo ministeriale per poter effettuare il servizio di riscossione e l’affidamento sarebbe dunque illegittimo. L’assessore Spandre ha replicato che la Gm fornisce un supporto e non effettua la riscossione e pertanto non è richiesta tale iscrizione. La pregiudiziale è stata quindi bocciata.

Approvato anche lo schema di convenzione per lo svolgimento, in forma associata, della funzione di progettazione e gestione del Sistema locale dei Servizi sociali tra i Comuni di Diano Marina, Cervo, Diano Arentino, Diano Castello, Diano San Pietro, San Bartolomeo al Mare e Villa Faraldi, per il triennio 2023 2025. A relazionare in merito è stato l’assessore ai Servizi sociali Sabrina Messico.