Sottopasso Argine Sinistro: “passaggio pedonale mai autorizzato”, Imperia Rinasce bacchetta sindaco Scajola. “Dichiarazioni non attinenti alla realtà. Penalizzante per disabili e anziani”

Imperia Politica Politica

Imperia Rinasce interviene, tramite una nota stampa, in merito alla viabilità del sottopasso sull’Argine Sinistro. Durante il Consiglio Comunale di ieri, 9 gennaio, era stata discussa una Question Time, presentata del gruppo “Imperia al Centro”, a cui aveva risposto il sindaco Claudio Scajola.

Sottopasso Argine Sinistro: Imperia Rinasce bacchetta sindaco Scajola

“Nella giornata di ieri si è svolto il consiglio comunale, preceduto dalle question time. In particolare desta preoccupazione a noi di Imperia Rinasce, la risposta data dal sindaco alla question time portata in consiglio dal gruppo Imperia al centro, nelle persone di Guido Abbo ed Edoardo Verda, in merito al sottopasso dell’argine sinistro che, ad oggi e dalla sua riapertura, non prevede più il passaggio dei pedoni.

Durante le sue dichiarazioni il sindaco ha affermato che “non è mai stato autorizzato il passaggio dei pedoni “, affermazione che non corrisponde a verità come da foto allegata che espressamente indica, con apposita segnaletica verticale, di far attenzione al transito dei pedoni sull’apposito passaggio zebrato realizzato in corrispondenza del muro lato torrente; riscontrabile anche dal registro delle ordinanze viarie.

Dobbiamo pensare che le parole del sindaco non siano attinenti alla realtà solo in questa occasione oppure è una prassi consolidata per cui d’ora in avanti si rende necessario andare a controllare la veridicità dei suoi asserti?

Noi di Imperia Rinasce ribadiamo il concetto che i lavori posti in essere al pontino sono penalizzanti per i pedoni ma, soprattutto , per gli anziani e per le persone diversamente abili che si trovano a dover fare un giro vizioso per Imperia invece di poter transitare nei 20 metri del sottopasso in quanto non possono affrontare la scala prevista lato mare.

Oltretutto a tal proposito proposito il sindaco ha eluso la domanda posta dal consigliere Verda, che si interrogava su quali percorsi avrebbero dovuto affrontare i diversamente abili trovandosi lato monte una rampa, ma lato mare una scala. Stesso modus operandi è stato utilizzato, in parte, dall’assessore Roggero, per quanto concerne la riapertura del teatro Cavour in quanto non sono state date le risposte più importanti , inerenti la lievitazione dei costi e la data prevista per il fine lavori e quindi la riapertura tanto agognata dagli imperiesi”.