Bimbo picchiato a Ventimiglia: aggredito in città il compagno della nonna indagato per lesioni. L’avvocato: “Gesto vile. Chi giudica frettolosamente potrebbe doversi ricredere”

Cronaca

È stato aggredito fisicamente e verbalmente a Ventimiglia il compagno della nonna di Ryan, ibambino di anni attualmente ricoverato all’Ospedale Gaslini di Genova dopo che, il 19 dicembre scorso, è stato trovato gravemente ferito e incosciente in zona Gallardi nella città di confine.

Sia il compagno, 74enne, che la nonna sono indagati per lesioni gravissime e nelle ultime settimane sono finiti al centro dell’attenzione mediatica attraverso numerosi articoli sia locali che nazionali, comparendo anche in trasmissioni televisive. Ieri il compagno della nonna sarebbe stato spintonato e insultato vicino all’ufficio postale e ha sporto denuncia presso il Commissariato di Ventimiglia.

Bimbo picchiato a Ventimiglia: aggredito in città il compagno della nonna indagato

Ecco la nota dell’avvocato del 74enne Maria Spinosi.

“A questo punto, dopo che il carrozzone mediatico irresponsabilmente alimentato da più parti ha condotto ieri alla vile aggressione del mio assistito nel centro di Ventimiglia (episodio per il quale verrà sporta apposita denuncia-querela), diventa necessario rilasciare la prima dichiarazione. La realtà è ben più complessa di quella sinora riportata, tanto è vero che le indagini sono tuttora in corso e potrebbero anche riservare delle sorprese. Chi è giunto a conclusioni affrettate o, peggio, ha apostrofato il mio assistito con epiteti offensivi, dunque, potrebbe doversi ricredere.

Le condizioni psicofisiche del mio cliente sono l’unica ragione che mi ha spinto a parlare. Chiedo, rispettosamente, a tutti di sospendere il giudizio e di attendere la conclusione delle indagini”.

Sul caso è anche intervenuto Simone, il padre di Ryan, con un post su Facebook di cui riportiamo una parte.

“Giorni indietro, ho fatto un appello cercando di trattenere tutti i miei concittadini e cercando di farvi capire che così facendo si rallentano le indagini. In questo caos la magistratura fa fatica a proseguire nel lavoro svolto finora. Ve lo chiedo con il cuore in mano, state buoni, per favore. Chi ci rimette è solo Ryan”.