17 Aprile 2024 15:12

Cerca
Close this search box.

17 Aprile 2024 15:12

Funerali Berlusconi: Duomo di Milano gremito per l’ultimo saluto all’ex Premier. “È un uomo e ora incontra Dio”

In breve: Così l'Arcivescovo di Milano, Mario Delpini, ha concluso la propria omelia durante i funerali dell'ex Premier Silvio Berlusconi, tenutisi oggi, 14 giugno, presso il Duomo di Milano. 

Silvio Berlusconi è stato certo un uomo politico, è stato certo un uomo d’affari, è stato certo un personaggio alla ribalta della notorietà. Ma in questo momento di congedo e di preghiera, che cosa possiamo dire di Silvio Berlusconi? È stato un uomo, un desiderio di vita, un desiderio di amore, un desiderio di gioia. E ora celebriamo il mistero del compimento. Ecco che cosa posso dire di Silvio Berlusconi. È un uomo e ora incontra Dio“.

Così l’Arcivescovo di Milano, Mario Delpini, ha concluso la propria omelia durante i funerali dell’ex Premier Silvio Berlusconi, tenutisi oggi, 14 giugno, presso il Duomo di Milano. Un’omelia molto forte, nel corso della quale Delpini non ha nascosto il lato divisivo dell’ex Premier.

Funerali Berlusconi: gremito il Duomo di Milano

Il feretro di Berlusconi ha lasciato la residenza dell’ex Premier, ad Arcore, per poi, dopo un lungo corteo, accompagnato dagli applausi della gente, raggiungere piazza Duomo, accolto dall’affetto di migliaia di persone (9 mila circa) e dai cori della Curva Sud del Milan (“c’è solo un Presidente“) ed entrare all’interno del Duomo.

Gremita la Cattedrale. Presenti di cinque figli di Silvio Berlusconi, il fratello Paolo, la campagna Marta Fascina e le massime autorità dello Stato, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, il Presidente della Camera Lorenzo Fontana, il Presidente del Senato Ignazio La Russa, i quattro ex Presidenti del Consiglio Mario Monti, Paolo Gentiloni, Mario Draghi e Matteo Renzi, Viktor Orban (presidente dell’Ungheria), l’ex emiro del Qatar Hamad al Thani.

Presenti anche il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, e il Sindaco di Imperia, Claudio Scajola, insieme alla figlia Lucia.

L’omelia dell’Arcivescovo Delpini

“Ecco l’uomo: un desiderio di vita, di amore, di felicità

Vivere. Vivere e amare la vita. Vivere e desiderare una vita piena. Vivere e desiderare che la vita sia buona, bella per sé e per le persone care. Vivere e intendere la vita come una occasione per mettere a frutto i talenti ricevuti. Vivere e accettare le sfide della vita. Vivere e attraversare i momenti difficili della vita. Vivere e resistere e non lasciarsi abbattere dalle sconfitte e credere che c’è sempre una speranza di vittoria, di riscatto, di vita. Vivere e desiderare una vita che non finisce e avere coraggio e avere fiducia e credere che ci sia sempre una via d’uscita anche dalla valle più oscura. Vivere e non sottrarsi alle sfide, ai contrasti, agli insulti, alle critiche, e continuare a sorridere, a sfidare, a contrastare, a ridere degli insulti. Vivere e sentire le forze esaurirsi, vivere e soffrire il declino e continuare a sorridere, a provare, a tentare una via per vivere ancora.
Ecco che cosa si può dire di un uomo: un desiderio di vita, che trova in Dio il suo giudizio e il suo compimento.

Amare e desiderare di essere amato. Amare e cercare l’amore, come una promessa di vita, come una storia complicata, come una fedeltà compromessa. Desiderare di essere amato e temere che l’amore possa essere solo una concessione, una accondiscendenza, una passione tempestosa e precaria. Amare e desiderare di essere amato per sempre e provare le delusioni dell’amore e sperare che ci possa essere una via per un amore più alto, più forte, più grande.Amare e percorrere le vie della dedizione. Amare e sperare. Amare e affidarsi. Amare ed arrendersi. Ecco che cosa si può dire dell’uomo: un desiderio di amore, che trova in Dio il suo giudizio e il suo compimento.

Essere contento e amare le feste. Godere il bello della vita. Essere contento senza troppi pensieri e senza troppe inquietudini. Essere contento degli amici di una vita. Essere contento delle imprese che danno soddisfazione. Essere contento e desiderare che siano contenti anche gli altri. Essere contento di sé e stupirsi che gli altri non siano contenti. Essere contento delle cose buone, dei momenti belli, degli applausi della gente, degli elogi dei sostenitori. Godere della compagnia. Essere contento delle cose minime che fanno sorridere, del gesto simpatico, del risultato gratificante. Essere contento e sperimentare che la gioia è precaria. Essere contento e sentire l’insinuarsi di una minaccia oscura che ricopre di grigiore le cose che rendono contenti. Essere contento e sentirsi smarriti di fronte all’irrimediabile esaurirsi della gioia.
Ecco che cosa si può dire dell’uomo: un desiderio di gioia, che trova in Dio il suo giudizio e il suo compimento

Quando un uomo è un uomo d’affari, allora cerca di fare affari. Ha quindi clienti e concorrenti. Ha momenti di successo e momenti di insuccesso. Si arrischia in imprese spericolate. Guarda ai numeri a non ai criteri. Deve fare affari. Non può fidarsi troppo degli altri e sa che gli altri non si fidano troppo di lui. È un uomo d’affari e deve fare affari.

Quando un uomo è un uomo politico, allora cerca di vincere. Ha sostenitori e oppositori. C’è chi lo esalta e chi non può sopportarlo. Un uomo politico è sempre un uomo di parte.
Quando un uomo è un personaggio, allora è sempre in scena. Ha ammiratori e detrattori. Ha chi lo applaude e chi lo detesta.

Silvio Berlusconi è stato certo un uomo politico, è stato certo un uomo d’affari, è stato certo un personaggio alla ribalta della notorietà. Ma in questo momento di congedo e di preghiera, che cosa possiamo dire di Silvio Berlusconi? È stato un uomo: un desiderio di vita, un desiderio di amore, un desiderio di gioia. E ora celebriamo il mistero del compimento. Ecco che cosa posso dire di Silvio Berlusconi. È un uomo e ora incontra Dio”.

Condividi questo articolo: