18 Aprile 2024 15:50

Cerca
Close this search box.

18 Aprile 2024 15:50

Imperia: “guarda questa, fossi ancora giovane me la farei”. Ventenne vittima di cat calling sul porto di Oneglia. “Alla terza consecutiva sono scoppiata a piangere. Non mi sento più a mio agio nella mia stessa città”

In breve: Al contrario di molti paesi, tra cui anche la vicina Francia, in Italia il catcalling non costituisce reato e dunque non sono previste sanzioni per le molestie di strada

Guarda questa“, “Figa“, “Fossi ancora giovane me la farei” – Sono solo alcune delle molestie verbalicat calling” che subisce Anna (nome di fantasia per tutelarne la privacy), poco più che ventenne, da parte di un gruppetto di persone sotto il porticato di Calata Cuneo, sul porto di Oneglia. 

Imperia: ventenne vittima di “cat calling” sul porto di Oneglia

La giovane, dopo settimane di continuo disagio, ha deciso di rivolgersi alla nostra redazione per denunciare quanto accade e tentare di sensibilizzare l’opinione pubblica.

“Ogni giorno – Racconta ‘Anna’ al nostro giornale – succede che nel tratto tra Calata Cuneo e piazza San Giovanni subisco molestie verbali, a volte dirette a volte solo commenti, da parte di un gruppetto di persone

A volte fissano molto insistentemente o dicono “guarda questa”, “fossi ancora giovane me la farei” o esclamazioni tipo fischi o “ellà”, “mamma mia” “figa”. Se ne sentono di ogni, sia che te le dicano direttamente o che commentino a gruppetti ad alta voce tra di loro.

Non credo di essere né la prima né l’ultima a cui arrivano certi commenti, non c’è mai un controllo da parte della Polizia e nessuno dice o fa mai niente.

Vorrei che certa gente si rendesse conto di quello che fa e che cambiasse atteggiamento. Oggi, alla terza molestia consecutiva, sono scoppiata a piangere. Non mi sento più a mio agio e tranquilla nella mia stessa città. Spero questo messaggio possa arrivare a qualcuno“.

Che cos’è il triste fenomeno del Cat-Calling?

Il cat calling, ovvero le molestie di strada, è l’ultima frontiera delle violenze di genere. Sono fischi e apprezzamenti di cattivo gusto rivolti alle donne.

È un fenomeno che tristemente quasi tutte le donne, dalle più giovani alle meno giovani, sperimentano sulla propria pelle, quando vengono molestate da uno sconosciuto, ma anche da un gruppetto di persone, che fanno commenti sessualmente espliciti nei loro confronti.

Al contrario di molti paesi, tra cui anche la vicina Francia, in Italia il catcalling non costituisce reato e dunque non sono previste sanzioni per le molestie di strada. Fortunatamente si può cercare di correre ai ripari con l’art. 660 del Codice Penale, che disciplina “la contravvenzione di molestia o disturbo alle persone“.

Viene punito con l’arresto fino a sei mesi o con l’ammenda fino a €.516 chi, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, reca a taluno disturbo o molestia.

 

Condividi questo articolo: