13 Aprile 2024 04:54

Cerca
Close this search box.

13 Aprile 2024 04:54

Tragedia a Bussana: è il 17enne Mohtadi Doukhani di Triora la vittima dell’incidente. Grave la sorella

In breve: L'autista del tir è stato rintracciato dalle forze dell'ordine grazie alle descrizioni del mezzo fornite dai testimoni. Ha riferito agli agenti di non essersi accorto di nulla. E' stato arrestato per omicidio stradale. 

È Mohtadi Doukhani il 17enne che questa mattina ha perso tragicamente la vita a Bussana di Sanremo, dopo essere stato travolto da un mezzo pesante mentre andava a scuola con la sorella. Quest’ultima, di 15 anni, sta lottando per la vita al Santa Corona di Pietra Ligure.

L’episodio si è verificato poco dopo le 7. Secondo quanto ricostruito, i due giovani, che abitano a Triora, erano scesi dal bus e si stavano recando a scuola (l’Istituto Superiore Ruffini Aicardi), camminando a bordo strada in via Frantoi Canai, quando sarebbero stati travolti da un tir che non si sarebbe fermato a prestare soccorso.

Sul posto sono intervenute due automediche con il personale del 118, gli equipaggi della Croce Verde di Arma e della Croce Rossa di Sanremo.

Le condizioni sono apparse subito drammatiche e il 17enne è deceduto. La ragazza è stata trasferita in elicottero all’Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure per via dei numerosi e gravissimi politraumi riportati.

L’autista del tir è stato successivamente rintracciato dalle forze dell’ordine, grazie alle descrizioni del mezzo fornite dai testimoni, e ha riferito agli agenti di non essersi accorto di nulla. E’ stato arrestato per omicidio stradale. 

Il mezzo è stato posto sotto sequestro e sono in corso gli accertamenti per ricostruire l’esatta dinamica dell’accaduto.

Sotto choc il Sindaco di Triora Massimo di Fazio, così come tutta la cittadinanza.

“Siamo sconvolti – ha dichiarato – la famiglia, originaria della Tunisia, è integrata perfettamente nella comunità da anni. Il padre è infermiere e lavora nella Rsa. I due ragazzi, nati a Imperia, hanno frequentato tutte le scuole qui. Siamo vicini alla famiglia”.

Condividi questo articolo: