18 Maggio 2024 08:16

Cerca
Close this search box.

18 Maggio 2024 08:16

Imperia: bimba morsa da una zecca al parco urbano. “Attivate procedure, ma nessun allarme. Prestare consueta attenzione”

In breve: La notizia si è diffusa rapidamente nelle chat cittadine, generando un certo allarme, ma l'Asl sottolinea che non vi è un'allerta per un'infestazione e invita a mantenere la consueta attenzione, considerato il periodo.

“Ci siamo attivati in autonomia per predisporre un’attività di trattamento preventivo”. Lo comunica il Comune di Imperia a seguito di un caso avvenuto ieri ai danni di una bimba morsa da una zecca mentre giocava al parco con la famiglia al Parco Urbano. La piccola è stata quindi portata al pronto soccorso di Imperia dove i medici hanno rimosso la zecca e hanno prescritto alla piccola una terapia antibiotica preventiva.

La notizia si è diffusa rapidamente nelle chat cittadine, generando un certo allarme, ma l’Asl sottolinea che non vi è un’allerta per un’infestazione e invita a mantenere la consueta attenzione, considerato il periodo.

Anche l’assessore al Verde Urbano Ester D’Agostino, in una nota, invita la cittadinanza a non allarmarsi e comunica che il Comune si sta attivando per un’attività di trattamento preventivo.

La nota dell’assessore al Verde Urbano, Ester D’Agostino

“In riferimento ai vocali che stanno circolando in alcune chat cittadine relative al Parco Urbano, desidero specificare che, a differenza di quanto diffuso, ad oggi non sono giunte in Comune comunicazioni ufficiali relative a situazioni di emergenza per la presenza di zecche. Per vie informali, abbiamo avuto notizia di un singolo caso, per il quale esprimo ovviamente dispiacere. Nonostante non ci siano evidenze, in via cautelativa, ci siamo attivati in autonomia per predisporre un’attività di trattamento preventivo, che partirà nei prossimi giorni, dopo il via libera obbligatorio da parte dell’ASL sui prodotti utilizzati. Invito pertanto tutti a porre attenzione alla diffusione di notizie allarmanti e prive di effettivo riscontro, che ingenerano soltanto preoccupazione tra le famiglie”.

Condividi questo articolo: