25 Giugno 2024 03:19

Cerca
Close this search box.

25 Giugno 2024 03:19

Imperia: “Guido bene, guido sicuro”, i ragazzi dell’I.C. Littardi in sella a moto elettriche. “Per conoscere e rispettare le regole della strada”/Foto e Video

In breve: Il progetto ha visto coinvolti gli studenti delle terze medie, in un corso formativo di 20 ore

Grande emozione per i ragazzi delle scuole medie dell‘I.C. Littardi di Imperia per la conclusione del progetto dedicato alla sicurezza stradaleGuido bene, Guido Sicuro“.

“Guido bene, guido sicuro”, i ragazzi dell’I.C. Littardi in sella a moto elettriche

Il progetto ha visto coinvolti gli studenti delle terze medie, in un corso formativo di 20 ore. Oggi per loro è stata la volta della prova pratica, alla guida di una vera e propria moto elettrica.

Dopo aver ricevuto alcune nozioni sulla gestione dei comandi di un motociclo elettrico, da parte degli istruttori, i ragazzi hanno indossato tutte le protezioni e guidato le moto. È stata anche occasione per mostrare loro come comportarsi in caso di incidenti.

Presenti questa mattina, il presidente della Croce Bianca, Roberto Trincheri, la vicepreside dell’I.C. Littardi Silvia Caffa, Livio Bellone Tecnico Federale FMI e alcuni agenti della Polizia Locale di Imperia. Al termine della prova pratica, sono stati consegnati gli attestati e alcuni premi.

Roberto Trinchieri, Presidente Croce Bianca Imperia

“Un progetto ormai arriviamo alla terza edizione e ci sta vedendo partecipi praticamente in tutta la provincia. Siamo a Sanremo, siamo stati qui a Imperia, oggi. Questo progetto è stato fatto con le scuole medie e io ho personalmente ci tenevo a ringraziare in modo particolare le due persone che sono a capo di questo gruppo, che sono il nostro formatore Davide Marino e l’istruttore federale Livio Bellone della Federazione Motociclistica Italiana.

L’idea è partita da loro e la stanno portando avanti loro. Noi come Croce Bianca siamo felicissimi di poter intervenire per cercare di evitare le vittime che purtroppo sono tantissime sulla strada e che ogni giorno ci sono, soprattutto sul mezzo a due ruote.

Come Croce Bianca ci tenevo a ringraziare in modo particolare l’assessore Laura Gandolfo, il Comune, la Polizia Municipale che ci ha dato un grossissimo aiuto per quanto riguarda il discorso della parte normativa, quindi del rispetto della legge sulle due ruote e poi ovviamente alla scuola che si è resa partecipe, al preside Angelo Quaglia che ci ha dato la possibilità di entrare in una scuola media”.

Silvia Caffa – vicepreside I.C. Littardi

“Guido Sicuro è un progetto che la nostra scuola ha portato avanti durante l’anno scolastico nell’ambito della progettazione dei PNRR. Affinché i nostri alunni ancora una volta possano conoscere e rispettare sempre più le regole della strada.

Si stanno avvicinando ai 14 anni, pertanto ben presto alcuni di loro potranno guidare sulle nostre strade. Quest’oggi è una giornata meravigliosa perché hanno potuto testare finalmente i i loro mezzi, motorini elettrici che hanno potuto sperimentare in un percorso guidato.

Una giornata di successo, per questo ringraziamo assolutamente chi ci ha appoggiato in questo percorso, il nostro dirigente che oggi è assente per motivi istituzionali, la Croce Bianca, i vigili urbani, il club dei motociclisti che ha portato avanti questa sperimentazione. L’assessorato, in particolare l’assessore Laura Gandolfo, che ci ha appoggiato e ha iniziato questo percorso mesi fa con un progetto di educazione stradale. Un grande successo per i nostri alunni che oggi sono davvero felici”.

Livio Bellone Tecnico Federale FMI

È un progetto dedicato agli studenti che porta la conoscenza alla guida del motociclo. Naturalmente si insegnano le basi e i principali fondamentali che portano una conoscenza per una sicurezza alla guida. È stato un successo, ai ragazzi è piaciuto tantissimo, abbiamo avuto un sacco di ragazzi che non hanno mai guidato la moto e alla fine della prova guidavano la moto da sole. Questa secondo me è la più bella soddisfazione che una cosa così bella può dare”.

Dimostrazione pratica

 

A cura di Alessandro Moschi

Condividi questo articolo: