14 Giugno 2024 14:32

Cerca
Close this search box.

14 Giugno 2024 14:32

Ineja 2024: da venerdì 14 giugno torna a Imperia la Festa di San Giovanni. “Rimodulata la location, accettata una nuova sfida. Cibo musica, spettacoli ed eventi, una festa popolare”/Foto e Video

In breve: Tutti gli spettacoli proposti nell’ambito della Festa di San Giovanni sono ad ingresso gratuito.

È stato presentato oggi, nel corso di una conferenza stampa cui hanno preso parte, assieme al presidente Marco Podestà ed alcuni consiglieri del Comitato San Giovanni Tradizioni Onegliesi, all’Assessore alla Cultura ed alle Manifestazioni Marcella Roggero, il programma completo della festa di San Giovanni, da sempre un momento particolarmente atteso, tanto da essere diventato l’argomento tra i più selezionati e condivisi sui social imperiesi degli ultimi giorni.

Il programma si presenta ricco di eventi di richiamo: teatro, musica dal vivo, mostre, eventi sportivi, spettacoli, folklore, shopping e altro ancora, per un evento che da sempre coincide con l’inizio dell’estate

Ineja 2024: da venerdì 14 giugno torna a Imperia la Festa di San Giovanni

La festa di San Giovanni, che giunge quest’anno alla sua 44esima edizione, in programma sulla banchina oceanica Aicardi, è nata per celebrare la ricorrenza del santo patrono di Oneglia, un appuntamento coinvolgente, cui la cittadinanza partecipa con trasporto ed affetto, consapevole dell’opportunità che la stessa Festa offre per vivere e condividere la città in maniera attiva e propositiva.

Lo sforzo messo in campo in questi anni dal Comitato San Giovanni e Tradizioni Onegliesi organizzatore della manifestazione, è stato notevole, ma gli ottimi risultati raggiunti in termini di partecipazione di pubblico sono stati decisamente gratificanti. L’obiettivo di quest’anno è pertanto quello di regalare alla cittadinanza una splendida 44esima edizione della Festa, ricca di novità, di eventi e di curiosità, dove il divertimento sarà protagonista assieme alla buona cucina, ma sempre all’insegna della tradizione e dello spettacolo.

L’assessore Marcella Roggero presenta la 44ª edizione della festa di San Giovanni

Diamo il benvenuto alla 44esima edizione di San Giovanni e direi che la novità più grande è sicuramente quella della location perché questa volta sarà in una banchina Aicardi completamente rinnovata, aperta, con molto più spazio e noi non possiamo che essere dalla parte di San Giovanni che anche questa volta ha accettato una nuova sfida che è stata quella di rimodulare la festa proprio in questo nuovo spazio.

Siamo sicuri darà grandissima soddisfazione e che verrà accettata con entusiasmo anche dai cittadini ma anche dai tanti turisti che speriamo insomma vengano in piedi e soprattutto che speriamo possano godere di un inizio stagione che a livello meteo non ci ha aiutato di sicuro.

Le novità sono poi quelle del programma che ogni anno si rinnova e ogni anno si amplia. Quest’anno con San Giovanni abbiamo lavorato a eventi che hanno incluso anche realtà, associazioni, cittadine come lo hanno sempre fatto ma insomma cercando di dare ampio spazio a tutti i generi di intrattenimento in modo che ogni sera chi partecipi possa avere sia musica che cultura che cibo perché ovviamente San Giovanni rispetta le tradizioni culinarie imperiesi e poi abbiamo i bersaglieri che ci allieteranno con la loro presenza.

Un calendario ricco, così come è ricca la festa da tanti tanti anni e noi siamo contenti che queste tradizioni possano andare avanti ma che possano seguire i cambiamenti della città”.

Marco Podestà, presidente Comitato San Giovanni

“Siamo alla festa delle tradizioni, quindi sicuramente è una festa popolare, quindi il cibo, la musica, gli spettacoli, gli eventi, il mercato, cioè questo che sono un po’ il cliché delle feste di una volta, che si stanno un po’ perdendo, se vogliamo.

Devo dire che questa festa qui, che è una festa popolare, si sta spegnendo un po’ da tutte le parti, nelle grandi città non esistono più, nei piccoli paesi si stanno perdendo. Noi riusciamo a tenerla in piedi, con grande passione di tanti volontari, di tanta gente che ci mette tempo, voglia e facciamo qualcosa, devo dire, abbastanza importante, perché 12 giorni di festa, dove vengono sempre i cittadini e non solo, anche da fuori a trovarci, non è cosa banale e questa è la gratificazione migliore.

La sfida, come diceva l’assessore Rogero, della nuova location vuol dire che riprogettiamo tutto, riprogrammiamo gli impianti e quindi non è semplice, però sicuramente c’è sempre un affiancamento con l’amministrazione e noi raccogliamo le sfide e andiamo avanti. Quest’anno la grande novità è che Mercantineja sarà sulla banchina, speriamo che vada tutto bene e che sia accolta come tutti gli altri anni perché è stato qualcosa di importante che ha ormai identificato anche la nostra festa”.

Tradizione ed innovazione accompagnano infatti, anche quest’anno, il programma della manifestazione

L’area spettacoli ospiterà un nutrito numero di proposte ed eventi di intrattenimento che spazieranno dalla danza ai concerti musicali, dal ballo libero alla musica live, dalle esibizioni sportive a quelle vocali, dalle presentazioni di libri, ai dibattiti, per arrivare al grande spettacolo pirotecnico dei fuochi d’artificio che come ogni anno il Comitato San Giovanni e Tradizioni Onegliesi regala alla popolazione, in programma nella serata di lunedì 24 giugno.

Il ricco e vario programma di quest’anno vede protagoniste associazioni, professionisti, stakeholders del territorio intenti a promuovere questo splendido angolo di Liguria e, in particolar modo, la tradizione onegliese.

Insomma, un caleidoscopio di eventi che si auspica in grado di fungere da richiamo anche per quel mondo, quello dei turisti, che in questo particolare momento della stagione, hanno scelto Oneglia, Imperia e la Liguria per trascorrere le sospirate vacanze.

Grande attenzione da parte del Comitato San Giovanni e Tradizioni Onegliesi, viene riservata alla ristorazione. Saranno riproposti i piatti della tradizione culinaria del Ponente: lo stoccafisso all’Onegliese, i muscoli, la frittura di calamari, le acciughe fritte, il minestrone, il cundiun, le specialità delle carni, il particolare “pan fritu”, i vini del nostro entroterra e la birra artigianale.

Protagonisti dietro i fornelli saranno i cuochi volontari di Ineja Food brand nato con l’idea di promuovere il territorio di Imperia, tramite i suoi prodotti, i suoi profumi, i suoi sapori in una vetrina locale dove l’entroterra viene costantemente coinvolto. La qualificata ed affiatata squadra di chef proporrà, ogni sera un piatto doc: branda e zemin di pesce a rotazione.

Una curiosità: l’edizione numero 44 della Festa di San Giovanni coincide con la disputa degli Europei di Calcio. Per agevolare coloro che vorranno seguire le tre gare della Nazionale italiana programmate nel periodo della Festa, gli organizzatori hanno stabilito che l’operatività delle cucine verrà anticipata di almeno un’ora ciò per rendere possibile, cenare, gustando i piatti della tradizione e, di seguito, seguire in Tv i propri beniamini.

Alla presenza del Sindaco di Imperia, Claudio Scajola e delle massime autorità civili e militari, venerdì 14, presso la Banchina Oceanica Aicardi, alla radice del Molo Corto, è in programma la cerimonia di inaugurazione. Al tradizionale “Taglio del Nastro” sarà presente la Banda Folk Canta & Sciuscia di Sanremo.

Il Comitato San Giovanni e Tradizioni Onegliesi è spesso coinvolto in iniziative sul territorio. All’interno del Comitato si respira uno straordinario senso di appartenenza, di comunità.

Il plotone dei volontari si rinnova e si espande di anno in anno. La riuscita della Festa di San Giovanni dipende in larga parte dall’affiatamento tra i vari reparti impegnati sul campo. La squadra che darà vita all’edizione numero 44 della Festa si è riunita l’altra sera per mettere a punto gli ultimi importanti meccanismi.

Questi i nomi dei responsabili delle varie attività: Marco Podestà (montaggi e strutture), Stefano Zerbone (responsabile mediterranea cucina), Mirco Marvaldi (tavoli e rifiuti), ⁠Mario Martino (vassoi, pani dolci), ⁠Massimiliano Pirrello (bar, caffè), ⁠Daniele Odasso (patatine), ⁠Carlotta Podestà (pomodori), ⁠Marcella Golizio (piatto giorno e minestrone), ⁠Gianpaolo Aicardi (cozze), ⁠Antonio Lentini (pasta), ⁠Marco Martini e Guido Marchese (stoccafisso), Davide Leone (frittura), Lara Pastorelli (acciughe), ⁠Emilio Mastrantonio (carni), ⁠Anna Boriasco (spettacoli), ⁠Anna Belfiore (pesca beneficenza), ⁠Antonio Corbeddu (sicurezza), ⁠Ettore Padovani (cambusa), ⁠Massimo ed Andrea Nalli (casse), ⁠Roberto Sbriscia (info point), Mirco Marvaldi (tenda cultura), Gianpaolo Cambiaso (riprese video), Marco Pesce (foto), Michele Cozzi ( comunicazione social), Paola Savella (Mercantineja).

Da non perdere

MERCANTINEJA

La grande fiera espositiva, giunta alla sua 16esima edizione, promossa dal Comitato di San Giovanni e Tradizioni Onegliesi ed organizzata da Espansione Eventi, accompagnerà i tradizionali festeggiamenti di San Giovanni. Stand espositivi e commerciali di varie tipologie merceologiche, produttive ed artigianali che, da tempo raccolgono il consenso e l’apprezzamento di tanti visitatori.

LA PROCESSIONE

Lunedì 24 giugno, alle ore 17,30 i Vespri Solenni e Processione per le vie del centro storico di Oneglia, con la partecipazione del clero, del Vicariato, delle Confraternite e delle aggregazioni laicali, con le statue e le casse dei santi patroni ed i crocifissi

Tutti gli spettacoli proposti nell’ambito della Festa di San Giovanni sono ad ingresso gratuito.

Condividi questo articolo: