13 Luglio 2024 23:44

Cerca
Close this search box.

13 Luglio 2024 23:44

GREEN ECONOMY. CON LA DIFFERENZIATA AL 70% SI POTREBBERO CREARE 30MILA POSTI DI LAVORO”

In breve: E' quanto emerso da una sessione tematica di approfondimento degli Stati Generali della Green Economy, che si sono aperti oggi a Rimini in occasione di Ecomondo.

raccolta differenziata

RIMINI. La gestione sostenibile dei rifiuti ha un enorme margine di crescita che potrebbe anche affrancare l’Italia dalle importazioni di materie prime e creare posti di lavoro: con una raccolta differenziata al 70% se ne potrebbero creare 30.000. E’ quanto emerso da una sessione tematica di approfondimento degli Stati Generali della Green Economy, che si sono aperti  a Rimini in occasione di Ecomondo.

Ma l’Italia è ancora lontana da arrivare a quella circular economy che favorisce l’ambiente e il portafoglio. Basti pensare che in Veneto, dove la raccolta differenziata è di circa il 63%, il costo di smaltimento del rifiuto differenziato è di 14,71 euro al kg, mentre in Sicilia, dove la differenziata è poco più del 15%, è di 38,08 euro al kg.

Per avviare l’Italia sulla strada virtuosa nella gestione dei rifiuti, il gruppo di lavoro ha avanzato 10 proposte. Tra queste: la modifica della Tari, la misurazione dei rifiuti effettivamente riciclati, il sostegno agli acquisti verdi per arrivare al 50%, lo sviluppo del mercato delle materie prime seconde, le semplificazioni burocratiche, la promozione del riuso e del riciclo dell’invenduto alimentare.

Nella seconda giornata degli Stati Generali della Green Economy 2014 si è parlato in compagnia del ministro del Lavoro Giuliano Poletti. “La green economy dà una risposta alla disoccupazione e sopratutto a quella giovanile che in Italia è arrivata a più del 41%”.

Più di 460.000 nuovi posti di lavoro da un programma di rafforzamento dell’efficienza energetica; 30.000 da una gestione più efficiente della raccolta differenziata; 190.000nel solo 2013 per la realizzazione e gestione di impianti di fonti rinnovabili; migliaia nelle 49.709 aziende bio italiane e in un’attività che deve prendere ancora il via, il decommissioning delle centrali nucleari.

La green economy dà così una risposta alla disoccupazione e sopratutto a quella giovanile che in Italia è arrivata a più del 41%. Il tema del lavoro, con il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, è stato affrontato nella seconda giornata degli Stati Generali della Green Economy 2014, in corso a Rimini all’interno di Ecomondo-Key Energy-Cooperambiente, promossi dal Ministero dell’Ambiente e dal Consiglio Nazionale della Green Economy, formato da 67 organizzazioni di imprese green, con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Nell’occasione è stata anche data voce alle aziende più innovative, che riescono a tutelare l’ambiente e a essere competitive sui mercati.

Le imprese della green economy – ha detto il Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti – sono imprese nuove che creano nuovi posti di lavoro. Dobbiamo aiutare queste realtà con regole semplici, certe, che durino nel tempo”.

In Italia – ha dichiarato Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile – le imprese della green economy, sia core green, cioè quelle che producono beni e servizi ambientali, sia go green, che adottano cioè modelli di business ambientale, hanno un peso rilevante spesso sottovalutato. Il loro sviluppo può trainare la ripresa economica”.
Dagli Stati Generali della Green Economy viene anche una proposta per far fronte alla disoccupazione giovanile.

Due le direttrici per sostenere l’occupazione: ridurre in maniera significativa per almeno tre anni il prelievo fiscale e contributivo per l’impiego dei giovani e il varo di un Piano Nazionale per lo sviluppo dell’occupazione giovanile. Quest’ultimo, in particolare, deve essere sostenuto da misure mirate alla formazione e qualificazione, con lo scopo di dare più forza al manifatturiero Made in Italy associato alla bellezza e alla qualità ecologica, con produzioni pulite.

Per attuare questo obiettivo sono necessarie cinque azioni:

-la revisione e la riallocazione in chiave di green economy e di ecoinnovazione degli incentivi distribuiti all’industria;

-un rafforzamento green delle principali filiere produttive (agroalimentare, energia, turismo chimica, tessile ecc);

-un programma di risanamento e riqualificazione ambientale degli impianti e delle produzioni ad alto impatto;

-il lancio di speciali iniziative nazionali di valorizzazione green del tessuto produttivo attraverso la produzione del “Made Green in Italy”;

-il sostegno alle start up di imprese giovanile della green economy.

I.I.

 

Condividi questo articolo: