Home, Politica — 30 gennaio 2014 alle 17:25

MODIFICA LEGGE SUI SOTTOTETTI. MELGRATI (FI): “Occasione unica per riformare la norma sulle distanze tra i fabbricati”

“Oggi abbiamo assistito ad una splendida ‘lectio magistralis’ del Prof. Avv. Gerbi sul corpo del Disegno di Legge sulla modifica alla 24 del 2001 detta dei sottotetti” dichiara il consigliere regionale di Forza Italia Marco Melgrati al termine della VI Commissione appena terminata. “La discussione è stata improntata sulla legittimità del termine ristrutturazione già contenuto nelle legge regionale urbanistica e […]

di Redazione

melgrati

Oggi abbiamo assistito ad una splendida ‘lectio magistralis’ del Prof. Avv. Gerbi sul corpo del Disegno di Legge sulla modifica alla 24 del 2001 detta dei sottotetti” dichiara il consigliere regionale di Forza Italia Marco Melgrati al termine della VI Commissione appena terminata.

La discussione è stata improntata sulla legittimità del termine ristrutturazione già contenuto nelle legge regionale urbanistica e riproposto in questo testo di proposta di legge; il limite, in quanto tale, del 10% per la possibilità di ampliamento diverso da quello previsto del 20% contenuto nella Legge Regionale n°16 del 2008; l’opportunità che le norme sui sottotetti, invece che disciplinate da una legge regionale facciano parte integrante dei contenuti dei Puc comunali“.

Questi – prosegue Melgrati – gli argomenti di maggiore interesse della discussione odierna. Evidenziato invece dall’Avvocato Gerbi, come, dal giorno dell’approvazione del Decreto del Fare, la Legge n° 98 del 2013, e come io stesso da allora vado dicendo, il decreto disponga, innovando la materia urbanistica, che le Regioni possano, con legge, introdurre deroghe alle distanze dai fabbricati. Quindi, non come sostiene l’Assessore Gabriele Cascino, che sia una prerogativa dei Comuni all’interno dei Puc, ma che è materia di Legge Regionale”.

E quale occasione stupenda che non la possibile innovazione di una legge come questa, che ha visto e soprattutto ha prodotto, dal 2001 ad oggi, un numero elevatissimo di contenziosi tra privati in relazione alle distanze dei fabbricati. Auditi anche la federazione dell’Ordine degli Ingegneri regionale e l’Ordine dei Geologi. Per quanto attiene agli Ingegneri la federazione della Liguria ha chiesto alla Commissione 20 giorni per elaborare e fornire un testo articolato a commento della Legge. Il rappresentante dei geologi non ha ritenuto di intervenire con un suo contributo e ha motivato“.