Golfo Dianese, Home, Politica — 15 febbraio 2017 alle 13:29

GOLFO DIANESE. COLPO DI SCENA, DOPO 72 ORE SI DIMETTE IL NEO PRESIDENTE DELL’UNIONE ROMANO DAMONTE. ZUCCOLO:”SI DIMETTA ANCHE DA SINDACO” / IL CASO

“Ora completi l’opera e dia le dimissioni anche da sindaco – tuona il consigliere Pietro Luigi Zuccolo – se non ha tempo non doveva neppure accettare l’incarico, non è un gioco”.

di Redazione
16777130_854410838031599_497017783_o

Da sinistra: Pietro Luigi Zuccolo e Romano Damonte

Colpo di scena, solo tre giorni dalla sua elezione, il presidente dell’’Unione dei Comuni del Golfodianese Romano Damonte ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica. Una doccia fredda per i sindaci del golfo (San Bartolomeo al Mare, Cervo, Diano Castello, Diano Arentino e Villa Faraldi) che solo sabato sera avevano chiesto e ottenuto la disponibilità a Damonte a ricoprire la carica presidente votandolo all’unanimità.

“Ho inviato la lettera di dimissioni a tutti i sindaci e consiglieri dell’unione perché ho riflettuto meglio sull’incarico. E’ stata un’elezione anomala, improvvisata, al telefono, e già devo amministrare il mio comune e sono molto impegnato con il mio lavoro, non riesco a seguire tutto”.  Damonte era subentrato al sindaco di Villa Faraldi Corrado Elena, ora il parlamentino del dianese dovrà correre ai ripari ed eleggere un altro presidente. 

“Ora completi l’opera e dia le dimissioni anche da sindaco - tuona il consigliere Pietro Luigi Zuccolo - se non ha tempo non doveva neppure accettare l’incarico, non è un gioco”.