Home, Imperia — 3 marzo 2017 alle 18:47

IMPERIA. OSPEDALE. RIORGANIZZAZIONE DELLE SALE OPERATORIE. I SINDACATI SUL PIEDE DI GUERRA:”‘ASL NON PROCEDA PRIMA DI AVER RICEVUTO IL PARERE DELLA REGIONE LIGURIA”

Nello specifico, durante l’ incontro di trattativa dello scorso 15 febbraio con le organizzazioni sindacali, la delegazione della Asl1 ha illustrato il piano di riorganizzazione delle sale operatorie dei presidi ospedalieri di Imperia e Sanremo

di Redazione

collage_sibdacati_asl_ospedale

“Le segreterie territoriali di Fp Cgil, Cisl Fp, Fials e Nursind, a seguito della riorganizzazione delle sale operatorie dei presidi di Imperia e Sanremo, hanno inviato un documento al Al Commissario straordinario di Alisa Dott. Walter Locatelli,al Direttore Dipartimento Salute e Servizi sociali Dott. Francesco Quaglia, al Direttore Generale Asl1 Imperiese Dott. Marco Prioli. Il tutto per conoscenza anche all’Assesore regionale alla Sanità Dott.ssa Sonia Viale”. Così Le segreterie territoriali di Fp Cgil, Cisl Fp, Fials e Nursind, con una nota stampa.

Nello specifico, durante l’ incontro di trattativa dello scorso 15 febbraio con le organizzazioni sindacali, la delegazione della Asl1 ha illustrato il piano di riorganizzazione delle sale operatorie dei presidi ospedalieri di Imperia e Sanremo; nello specifico la riorganizzazione vuole la presenza in guardia attiva del personale infermieristico del blocco operatorio nelle 24 h, con una turnazione che prevede sempre la presenza almeno di un infermiere sulle 24 h.

La motivazione data dalla delegazione aziendale che giustificherebbe tale riorganizzazione è vincolata dal rispetto delle norme regionali riguardanti l’ accreditamento della struttura sanitaria pubblica, regolamentata dalla l.r. 20/07/99 che ha istituzionalizzato il manuale regionale unico di accreditamento.

LE OO.SS e la Rsu hanno evidenziano che fino ad oggi le precedenti amministrazioni aziendali a capo della Asl1 hanno sempre dichiarato di essere in regola con la normativa vigente e di conseguenza non hanno mai ravvisato la necessità di inserire nei blocchi operatori la guardia attiva sulle 24 h.

Questa azione è motivata dal fatto che le scriventi vogliono far notare che in molte Asl della nostra Regione , che hanno una struttura di dea uguale alla Asl1,se non superiore, non ci sia questo tipo di organizzazione,e continuando ad essere accreditata stiano mantenendo da sempre un’ organizzazione basata sulla guardia attiva del medico e sulla pronta disponibilità della equipe infermieristica di sala operatoria.

A tal proposito le OO.SS ritengono che il termine “guardia attiva” si riferisca al personale medico, visto che, tale istituto non rientra nell’area contrattuale del comparto ma, appartiene esclusivamente all’area contrattuale Medico-Veterinaria.

L’ esposto in Regione ha l’obbiettivo di avere un’ interpretazione univoca della norma regionale sull’ accreditamento, in modo che l’Autorità Regionale possa chiarire in maniera esaustiva l’ esatta applicazione della stessa e cosa si intente per guardia attiva e quali professionisti la devono eseguire .

E’ palese in caso di un si, l‘ applicazione dovrà essere su tutta la regione in maniera omogenea, al fine di trattare tutti i lavoratori della nostra Regione nella stessa maniera. A tal fine Fp Cgil Cisl Fp Fials e Nursind hanno chiesto ,all’ASL 1 Imperiese, di non procedere all’avvio della suddetta riorganizzazione prevista per il 1 aprile 2017,prima di aver ricevuto il parere e/o la Direttiva da parte della Regione”.

 
 
 
POPUPOKLANT