Cultura e manifestazioni, Home — 7 marzo 2017 alle 11:12

IMPERIA. “VA BEH, 8 MARZO!”. SPI CGIL E RETE DEGLI STUDENTI MEDI IN VIA SAN GIOVANNI PER I DIRITTI DELLE DONNE. GABRIELLA ROSAFIO:”PARLEREMO DI…”/L’INIZIATIVA

Lo SPI CGIL di Imperia con la Rete degli Studenti Medi di Imperia ha organizzato una manifestazione in Via San Giovanni per “un 8 marzo indimenticabile”

di Gaia Ammirati

donne_via

L’8 marzo, in occasione della festa della Donna, sono previste in tutta Italia iniziative per manifestare in favore dei diritti delle donne, troppe volte calpestati sul lavoro, in famiglia, nella sanità e nella società in generale.

Lo SPI (Sindacato Pensionati Italiani) CGIL di Imperia con la Rete degli Studenti Medi di Imperia ha organizzato una manifestazione in Via San Giovanni per “un 8 marzo indimenticabile”, come scrivono sulla loro pagina Facebook. Partecipano all’iniziativa Rete degli Studenti Medi Rete degli Studenti Medi Imperia Spi Cgil Genova e Liguria Spi Cgil Nazionale CGIL Confederazione Generale Italiana del Lavoro Cgil Liguria Fillea CGIL Imperia CGIL Imperia Filcams CGIL Imperia Fisac Imperia SPI-CGIL Imperia LiberEtà. Sarà presente anche il Centro Provinciale Antiviolenza.

“Abbiamo pensato quest’anno di affrontare l’8 marzo con la Rete degli Studenti Medi, un gruppo molto attivo e dinamico, che siamo contenti di incentivare – spiega Gabriella Rosafio, segretaria Spi Cgil ImperiaOltre al discorso intergenerazionale, a mio parere sempre attuale, è un modo per creare un punto di incontro costruttivo che non si limita solo alla giornata di domani. Abbiamo realizzato e continueremo a realizzare diversi incontri con i ragazzi presso la Cgil per sentire le loro esigenze più importanti e instaurare un dialogo. Quello che sentono come carenza è soprattutto la lontananza da istituzioni, la difficoltà di avere contatti e la mancanza di punti di riferimento sicuri. Siamo andati quindi al consultorio e al centro antiviolenza, per chiedere loro di partecipare e di offrire ai ragazzi spunti di riflessione e aiuti. Abbiamo anche sentito la consigliera delle pari opportunità.

Domani saremo quindi tutti insieme - continua – e, oltre alla mimosa, distribuiremo volantini su vari argomenti legati alla differenza di genere e in particolare alla medicina della differenza. Questo argomento è ancora troppo poco discusso, ma pensiamo sia di fondamentale importanza. La medicina spesso è incentrata e testata per i soggetti maschili e per questo motivo sulle donne si hanno risultati differenti. Inoltre, le donne solitamente si curano molto meno, per mille ragioni, perciò è importante parlare e sensibilizzare.

La locandina è stata realizzata dai ragazzi e, ironicamente, afferma “Va beh, 8 marzo” - conclude - poichè, nonostante i problemi, è una ricorrenza che va assolutamente ricordata e dev’essere sfruttata al massimo”.