IMPERIA. MINACCIA LA MADRE, ABBATTE LA PORTA DI CASA CON CALCI E PUGNI E AGGREDISCE GLI AGENTI DI POLIZIA. IN MANETTE UN 36ENNE/I DETTAGLI

Cronaca Home

Per neutralizzare la condotta particolarmente violenta dell’uomo, gli agenti delle volanti utilizzavano lo spray al peperoncino,
di recente in dotazione alla Polizia, strumento grazie al quale l’uomo veniva reso inoffensivo e subito ammanettato

17407790_10213176292628885_1642432712_o

Nella serata del 20 marzo scorso, M.W., 36 anni, di Imperia, al termine di una violenta colluttazione ingaggiata con gli agenti delle volanti della Questura di Imperia, dopo aver scardinato ed abbattuto la porta d’ingresso dell’abitazione della madre, è stato arrestato con l’accusa di violenza, resistenza e minacce a pubblico ufficiale.

Alle ore 20:20 di ieri, infatti, una donna in preda al panico, ha segnalato il tentativo del figlio di sfondare la porta d’ingresso della sua abitazione con calci e pugni. L’episodio, l’ennesimo secondo quanto riportato dalle dichiarazioni della donna, avrebbe avuto origine a seguito della decisione di quest’ultima di non voler accogliere più suo figlio nella casa in cui era cresciuto, a causa della condizione di tossicodipendenza nella quale versa da alcuni anni.

Allertati gli equipaggi della squadra volante, giunti sul posto in pochi minuti, questi identificavano l’autore del danneggiamento, gia’ noto alle forze dell’ordine per i numerosi precedenti penali a suo carico. Dopo aver inizialmente riportato la situazione alla calma, due fratelli del giovane, esasperati dai ripetuti atti di violenza e dalle minacce che questi avrebbe rivolto alla madre e alla sorella, hanno cercato di aggredirlo.

Gli agenti, non senza difficolta’, riuscivano ad evitare il contatto ma M.W., l’autore del danneggiamento, si è scagliato contro gli operatori di polizia che sono riusciti ad immobilizzarlo e ad ammanettarlo. Per neutralizzare la condotta particolarmente violenta dell’uomo, e dopo aver tentato, invano, di calmarlo, per evitare che potesse esercitare ulteriore violenza contro gli operatori di polizia e gli altri familiari presenti, gli agenti delle volanti utilizzavano lo spray al peperoncino, di recente in dotazione alla Polizia, strumento grazie al quale l’uomo veniva reso inoffensivo e subito ammanettato.

Lo spray in questione, contenente una sostanza del tutto naturale (capsaicina), dallo scorso 1° marzo costituisce una ulteriore dotazione per i reparti della polizia di stato impegnati nella impegnativa attivita’ di controllo del territorio; la bomboletta, assegnata ad ogni equipaggio in servizio, nebulizza l’oleoresin capsicum, una sostanza oleosa, contenuta in un solvente organico che, dopo l’utilizzo, provoca infiammazione e che agisce, in particolare, sugli occhi e sulle mucose della bocca.

Reso inoffensivo, gli agenti hanno provveduto, subito dopo, alla sua decontaminazione, utilizzando una soluzione fisiologica mediante la quale, in pochi minuti, sono stati annullati gli effetti prodotti dallo spray.

W.M., dopo essere stato sottoposto alle procedure di fotosegnalamento, e’ stato associato presso le camere di sicurezza della questura, in attesa della celebrazione del rito direttissimo che si terra’questa mattina innanzi al tribunale di imperia.

M.A., classe ’87 e M.F., classe ’74, fratelli dell’arrestato, sono stati denunciati per i reati di resistenza a pubblico ufficiale contestati, infine, all’arrestato, i reati di maltrattamento in famiglia, rifiuto di generalita’ e danneggiamento.

Segui Imperiapost anche su: