Home, Imperia — 23 febbraio 2014 alle 21:03

INTERVISTA SHOCK DEL PARROCO DI MONTEGRAZIE. IL SINDACO CAPACCI: “Chieda scusa ai parrocchiani e poi torni nella sua città. Ha diffuso un’immagine squalificante di Imperia”

Il Sindaco di Imperia Carlo Capacci ha preso posizione in merito all’intervista shock del parroco di Montegrazie Valter Arrigoni nel corso della quale descrive la piccola frazione imperiese come una “frazione con tossicodipendenti, alcolizzati e dove da un mese e mezzo c’è anche un pedofilo“. “Ho ascoltato esterrefatto le dichiarazioni di Padre Valter Arrigoni a proposito degli abitanti della frazione […]

di Redazione

Carlo Capacci

Il Sindaco di Imperia Carlo Capacci ha preso posizione in merito all’intervista shock del parroco di Montegrazie Valter Arrigoni nel corso della quale descrive la piccola frazione imperiese come una “frazione con tossicodipendenti, alcolizzati e dove da un mese e mezzo c’è anche un pedofilo“.

“Ho ascoltato esterrefatto le dichiarazioni di Padre Valter Arrigoni a proposito degli abitanti della frazione Montegrazie. Premesso che il sottoscritto è sostenitore della libertà di pensiero e parola, mi sento in dovere di puntualizzare che gli Imperiesi e i turisti residenti a Montegrazie non meritano tale squalificante descrizione. Mi reco spesso a Montegrazie (credo di esserci stato almeno dieci volte nel corso dell’ ultimo anno) e in tutte le occasioni ho visto persone normali, operose, che ritengo siano classificabili nella media della popolazione italiana, non ho visto un ghetto dove abitano alcolizzati e drogati. Mi auguro poi che Padre Arrigoni abbia prove documentali o testimonianze dirette quando accusa un abitante di pedofilia, perchè in questo caso Egli dovrebbe rivolgersi quanto prima all’autorità giudiziaria per denunciare il fatto in quanto ritengo trattarsi di uno dei più aberranti fenomeni di deviazione della mente umana. Descrivere in maniera così vergognosa
gli abitanti della frazione, oltre che offendere i nostri concittadini lì residenti, diffonde un’immagine squalificante della nostra città, immagine che l’attuale Amministrazione sta cercando a fatica di ricostruire dopo vent’anni di buio.
Anche gli apprezzamenti sull’On.Claudio Scajola contengono concetti errati, dire che quando nella nostra provincia il suo potere era forte tutti trovavano lavoro negli organi di Polizia, Carabinieri e Scuole è estremamente offensivo nei suoi confronti inquanto viene descritto come qualcuno che ‘ha sistemato’ parenti e amici e non mi pare che questa affermazione possa corrispondere al vero, come non corrisponde al vero il fatto che abbiamo un Porto, perchè Imperia ha un cantiere dove si sta tentando di costruire un Porto dopo anni di vicissitudini giudiziare non certamente addebitabili all’ On. Scajola, che Albenga ha un aeroporto perchè a malapena lì possono prendere il volo ed atterrare piccoli aerei e non esiste alcun volo di linea, che il cantiere relativo al raddoppio della linea ferroviaria sia un suo merito inquanto RFI (Rete Ferroviaria Italiana) dipende dal Ministero delle Infrastrutture, carica che l’ On. Scajola non ha mai ricoperto. Concludo dicendo che il Sindaco di Imperia sta con gli abitanti di Montegrazie, che se la situazione rappresentata per caso corrispondesse al vero (cosa che non credo) Padre Arrigoni avrebbe dovuto far presente la situazione all’Amministrazione Comunale che, per il tramite dell’Assessorato ai Servizi Sociali, avrebbe certamente affrontato il problema. Non sarà il caso che Padre Arrigoni torni a svolgere il proprio ruolo nella sua città natale, non prima di aver chiesto scusa dal pulpito ai suoi parrocchiani, sempre che, dopo questa esperienza, vadano ancora in Chiesa?”