Home, Politica — 20 marzo 2014 alle 12:14

AGNESI. MARCO SCAJOLA: “CHIEDO CHE DALLE PAROLE SI PASSI AI FATTI. BASTA SPOT ELETTORALI”

Il consigliere regionale di Forza Italia: “L’Agnesi rappresenta un’azienda storica del nostro territorio, perderla o vederla drammaticamente ridimensionata sarebbe una grave sconfitta”

di Redazione

Marco Scajola quadrata

Sulla difficile situazione dell’Agnesi e la preoccupante condizione dei lavoratori che rischiano il loro posto di lavoro credo che sia opportuno un rapidissimo intervento da parte della Regione per aiutare a sbrogliare una questione che appare difficile e rischiosa per molti lavoratori”.
Così interviene il consigliere regionale di Forza Italia Marco Scajola, che spiega: “L’Agnesi rappresenta un’azienda storica del nostro territorio, perderla o vederla drammaticamente ridimensionata sarebbe una grave sconfitta. Alcuni mesi fa esponenti della Giunta regionale si erano fatti fotografare dai mass-media all’entrata dell’azienda come se fossero lì per dare un loro fattivo contributo alle problematiche che già si presentavano. Purtroppo come spesso accade gli amministratori regionali fanno azioni teatrali ma di fatto non incisive per tutelare e salvaguardare le nostre aziende ed i nostri lavoratori”.

Chiedo che – continua l’esponente di Forza Italia – dalle chiacchere si passi ai fatti e che si intervenga concretamente per garantire il mantenimento dei posti di lavoro e per sostenere un importante marchio della nostra città e del nostro Paese. Chiederò anche che della questione se ne interessi la commissione consiliare regionale competente coinvolgendo le parti interessate, ovvero l’azienda e le diverse rappresentanze sindacali dei lavoratori”.

Credo che approfondire in tutti i modi possibili la questione, molto delicata, sia doveroso. Non bisogna e non si deve perdere ulteriore tempo, perchè in gioco ci sono tante famiglie imperiesi che vedono a rischio il loro futuro. Mi auguro che dalle parole si passi ai fatti e vedere meno spot elettorali attraverso fotografie e più azioni concrete”, conclude Marco Scajola

 
 
 
FR_vetrine_3