Home, Imperia — 20 marzo 2014 alle 17:47

CONVEGNO SUL GIOCO D’AZZARDO ALLA BIBLIOTECA CIVICA LAGORIO: “E’ UN INGANNO DEL PENSIERO”

Oggi pomeriggio, 20 marzo, nella sala convegni della Biblioteca Civica Lagorio di Imperia, si è tenuto l’incontro dal titolo “E’ un azzardo chiamarlo gioco? Il possibile percorso dal piacere dell’uso alla schiavitù dela dipendenza”

di Selena Marvaldi

foto 2

Imperia – Oggi pomeriggio, 20 marzo, nella sala convegni della Biblioteca Civica Lagorio di Imperia, si è tenuto l’incontro dal titolo “E’ un azzardo chiamarlo gioco? Il possibile percorso dal piacere dell’uso alla schiavitù dela dipendenza”. Il convegno, organizzato dall’Associazione Big Bang Liguria Riformista, in collaborazione con la Cooperative il Faggio onlus e dell’Associazione Cooperando Partecipa ha visto, tra gli altri, la partecipazione del medico psichiatra Giancarlo Ardissone, il Sindaco di Taggia Vincenzo Genduso, il medico psichiatra Jacopo Pisaturo, la psicologa Barbara Canestro e l’avvocato Andrea Salice.

Porto i miei saluti da parte dell’amministrazione comunale – ha dichiarato in apertura del convegno il consigliere Riccardo Ghigliazza, accompagnato dal consigliere Savioli - Il gioco d’azzardo sta prendendo una brutta piega, è giusto essere qui oggi a parlarne“. Nel pubblico, folto, anche il consigliere regionale Marco Scajola e Alessio Saso.

Il gioco d’azzardo è un inganno del pensiero - ha spiegato la dottoressa Canestro tracciando diversi profili psicologici di un tipico giocatore – va considerata come una dipendenza a tutti gli effetti che coinvolge il controllo degli impulsi”.

 

 
 
 
FR_vetrine_3