Home, Imperia — 30 aprile 2018 alle 09:57

IMPERIA: LA FOGNA SCARICA IN MARE, DIVIETO DI BALNEAZIONE A BORGO FOCE. L’IRA DI CAPACCI:”RETE IDRICO-FOGNARIA IN ROVINA, COLPA DI RIVIERACQUA”

Residenti e ristoratori lamentano fuoriuscite anomale da alcune settimane e finalmente il comune si è attivato almeno per interdire la possibilità di fare il bagno.

di Redazione

31531305_10214232694065221_7164435144026095616_n

La fogna scarica direttamente in mare, scatta il divieto di balneazione a Borgo Foce. Non si tratta dei soliti valori fuori norma ma di una vera è propria emergenza che potrebbe compromettere l’inizio della stagione balneare. Nei giorni scorsi il sindaco Carlo Capacci ha emesso un’ordinanza di divieto di balneazione, in via precauzionale, nel tratto tra l’argine destro del torrente Caramagna al molo lungomare colombo a causa di due perdite dagli scolmatori presenti in zona.

Fogna in mare a Borgo foce a Imperia, scatta il divieto di balneazione

Residenti e ristoratori lamentano fuoriuscite anomale da alcune settimane e finalmente il comune si è attivato almeno per interdire la possibilità di fare il bagno.

“Dopodomani – ha detto il sindaco Capacci a ImperiaPost – ci sarà un sopralluogo dei tecnici per verificare l’entità del danno. Ora gli scolmatori scaricano in mare, c’è un intasamento totale della fognatura. Si tratta di un intervento strutturale e non si può procedere con le modalità di urgenza.

È una situazione molto delicata e a secondo del danno che verrà riscontrato i tempi di riparazione potrebbero prolungarsi. La responsabilità è sempre dello stesso soggetto: Rivieracqua. La società non ha ancora preso in carico il sistema idrico e fognario e questo comporta seri problemi legati anche all’impossibilità da parte di Amat di fare investimenti che non si può permettere vista la mancata concessione degli aumenti tariffari sancita dalla Provincia. Il sistema idrico e fognario sta andando in rovina e l’unico responsabile è Rivieracqua”.