Cultura e manifestazioni, Home — 29 agosto 2018 alle 14:09

IMPERIA: TUTTO PRONTO PER LE VELE D’EPOCA 2018, LA PRESENTAZIONE AL MUSEO NAVALE. “57 BARCHE ISCRITTE, SARÀ IL SIMBOLO DEL RILANCIO DELLA CITTÀ”/FOTO E VIDEO

È stata presentata oggi, presso l’auditorium del Museo Navale di Imperia, la 20esima edizione della manifestazione “Vele d’Epoca”, che si svolgerà dal 5 al 9 settembre in Calata Anselmi.

di Redazione

Schermata 2018-08-29 alle 13.36.56

È stata presentata oggi, presso l‘auditorium del Museo Navale di Imperia, la 20esima edizione della manifestazione “Vele d’Epoca”, che si svolgerà dal 5 al 9 settembre in Calata Anselmi.

Presenti il sindaco di Imperia Claudio Scajola, l’assessore comunale alla Cultura e responsabile dell’organizzazione Marcella Roggero, l’assessore comunale alle Manifestazioni Simone Vassallo, il prefetto Silvana Tizzano, il presidente della Provincia Fabio Natta, l’assessore regionale Marco Scajola, il presidente di Assonautica Enrico Meini, il presidente dello Yacht Club Imperia Marco Savini, oltre a diverse autorità civili e militari della zona.

Le Vele D’Epoca 2018

Oltre 50 le imbarcazioni attese a Imperia, un autentico museo a vele spiegate, a rappresentare la storia e l’evoluzione della vela nel secolo scorso. Quasi 100 anni separano infatti le più anziane dalle più giovani, con lo scettro della più ‘anziana’ — un titolo di merito in questo genere di regate — allo splendido 18 metri Tigris, del 1899, seguito a breve distanza dal ‘piccolo’ Kelpie (20 metri) e Moonbeam of Fife (30 metri) entrambe Classe 1903. Tra queste, un po’ di tutto, con autentiche pietre miliari della storia dello yachting come Jalina, classe 1946 che è stata la vincitrice della prima edizione della Giraglia del 1957, piuttosto che il leggendario Moro di Venezia 1(1976), Vistona (1937), Oiseau de Feu (1937) o alcuni dei pezzi più pregiati della Marina Militare come Artica II (1956), Corsaro Il (a96o) e Stella Polare (1965).

Come anticipato, le vele inizieranno ufficialmente il 5 settembre alle 17:30 con la cerimonia di apertura in Calata Anselmi e con il taglio del nastro coinciderà anche l’avvio degli eventi a terra che faranno da contraltare alle bellezze in acqua. Ogni sera sono previsti spettacoli musicali, itinerari gastronomici, show — cooking, concerti Iive, dj-set fino all’immancabile spettacolo pirotecnico del sabato sera.

Tra i collaterali, anche un ricco programma di conferenze presso l’Auditorium del Museo Navale. Gli argomenti di questo ciclo di conferenze toccheranno tematiche vicine a chi va per mare, con un focus particolare alla presentazione di un nuovo progetto sulla protezione solare della pelle, per andare poi su argomenti legati alla tutela e salvaguardia dell’ambiente marino. Ad arricchire ulteriormente l’agenda una serie di mostre, laboratori e attività collaterali per famiglie e appassionati. Prima fra tutte l’installazione fotografica ‘ll Vento della Vita’ di Settimio Benedusi, come pure i Laboratori per bambini a cura di Costa Balenae. Da non perdere poi le dimostrazioni operative dei Sommozzatori della Polizia di Stato e della Capitaneria di Porto di Imperia. Grazie anche al contributo del FAI e al Comitato SottoTina, nelle giornate di sabato e domenica, sarà possibile visitare in esclusiva Villa Faravelli e la Cupola del Duomo.

Il fittissimo calendario di attività a terra e in mare dimostra la volontà delle istituzioni e della città nel valorizzare un evento e integrarlo perfettamente con il tessuto delle iniziative cittadine, avvicinando così due mondi solo apparentemente lontani.

Automotive Partner di questa edizione sarà il gruppo FCA con il suo brand Alfa Romeo. Una flotta di 4 modelli sarà a disposizione di ospiti e regatanti come courtesy car. Vele d’Epoca e Alfa Romeo condividono un DNA che sintetizza stile, competizione e passione e proprio per questa ragione FCA ha deciso di abbinarsi a un evento così importante del calendario velico internazionale.

Le Vele si rinnovano anche attraverso un nuovo sito internet, www.veledepoca.com, piattaforma di servizio per i regatanti con tutti i documenti scaricabili online, gallery e video giornalieri. Grande attenzione anche allo sviluppo dei canali social, con una serie di inediti contenuti prodotti dal nuovo team media.

Nate nel 1986 da una felice intuizione di Pier Franco Gavagnin, direttore di Portosole Sanremo, le Vele d’Epoca di Imperia sono diventate un appuntamento fondamentale delle regate classiche nel Mediterraneo. Al primo raduno parteciparono all’incirca 3o imbarcazioni, un numero importante che segnò il primo passo per la crescita esponenziale della manifestazione. Entrate a far parte di diversi Circuiti internazionali durante il corso degli anni, nel 2006 Officine Panerai diventa il Title Sponsor e decide di includere le Vele d’Epoca all’interno del Panerai Classic Yachts Challenge. Per l’edizione 2018, le Vele d’Epoca di Imperia, oltre al Title Sponsor Panerai, possono contare sul supporto di FCA — Alfa Romeo, Frantoio Sant’Agata di Oneglia, Pommery e Toio. Per la parte in acqua le regate sono organizzate dallo Yacht Club Imperia mentre la logistica a terra e gli ormeggi sono stati possibile grazie alla collaborazione con Golmperia. Le Vele d’Epoca hanno il prezioso contributo della Camera di Commercio Riviere di Liguria, del Comune di Imperia e di Regione Liguria e godono del Patrocinio della Marina Militare.

Claudio Scajola

Questa volta hanno un significato particolare, quello del rilancio della città. Come avete notato l’organizzazione della banchina e degli stand è particolarmente ricca , abbiamo avviato lavori di bonifica a quell’area.

C’è il segnale di una ripresa, di una manifestazione che è bella ma che soprattutto significa il recupero del rapporto con il mare. Questa città deve investire di più sul mare.

C’è un bravo yachting club, ci sono diverse gare che vengono fatte, questa è storica ed è una cosa diversa, però è significativa per l’immagine. Dobbiamo cercare di proseguire su questo tipo di eventi.

Su questo particolare migliorare ancora la qualità di questa manifestazione, facendola conoscere di più fuori, non può essere una manifestazione limitata soltanto alla conoscenza locale. Bisogna espandere questa bellissima manifestazione al di fuori dei confini della provincia, della Regione e dell’Italia stessa. Bisogna cominciare questo percorso, mi auguro si possano trascinare altre importantissime manifestazioni. Vedremo nei prossimi giorni”.

Fabio Natta

“È un evento ormai storico, ma moderno e attuale, che chiaramente ha come protagonista Imperia , ma ha un intero territorio della riviera, della Provincia che va ormai al di la della notorietà che questo evento ha.

Fa piacere che anche quest’anno gli organizzatori, Assonautica in testa, siano riusciti a offrire una manifestazione di assoluto livello, di livello internazionale anche perchè in questo particolare momento storico per la Regione molto difficile e molto drammatico, è importante riuscire a proporre una immagine positiva, viva , di una regione e di un territorio che reagisce al dramma che si è verificato il 14 di agosto. Quindi anche un volano di speranza e di positività.

Questo evento è un impegno di tanti, provati, pubblici, istituzioni e cittadini volontari, che testimoniano ancora quando si fa sistema si riescono ad organizzare cose belle e importanti.

La Provincia nel suo piccolo mette il suo piccolo contributo, mi piace evidenziarlo, nei prossimi giorni c’è anche in programma un altro evento ovviamente di minore impatto ma tanto bello e diverso, che è l’Expo Valle Arroscia che valorizza un pezzo del nostro territorio importante.

La Provincia a entrambi gli eventi cerca di mettere il suo, quello che può, avendo ancora delle memorie storiche di edifici molto belli , di pregio e di interesse. L’Expo Valle Arroscia che ha il Teatro Salvini, per quanto riguarda invece le Vele d’Epoca, dal 5 all’8 ci saranno 4 aperture straordinarie di Villa Grock , con il suo parco e la villa, così che tutti i fruitori delle Vele d’Epoca avranno piacere di visitare anche questo, che è uno dei giardini più bello di Italia. Anche questo vuole essere un segnale di positività.”

Marco Savini

“Ci sono 57 imbarcazioni iscritte. Sono divise in 4 categorie: big boat, barche d’epoca, classiche e spirit of tradition. Arrivano da tutto il mondo. Abbiamo l’imbarcazione commissionata Agnelli, abbiamo la barca su cui hanno fatto la luna di miele il principe Ranieri e Grace Kelly.

Abbiamo una barca gemella a quella che rappresenta lo Yacht Club di Monaco, Mariska, un’altra restaurata da un cantiere di Imperia. Inoltre, abbiamo due madrine d’eccezione, veliste di valenza internazionale, che sono state recentemente a New Port, la città gemellata con Imperia.

Dietro di me ci sono persone che hanno lavorato sodo, ringrazio tutto lo staff e tutti coloro che hanno contribuito. Saranno tutti presenti in banchina”.

Enrico Meini

“È un evento che mi sta dando molte soddisfazioni, che mi auguro di iniziare nel migliore dei modi. Spero che il tempo sia bello e che ci sia un grande afflusso di visitatori. Mancano solo due riunioni, una stasera per la sicurezza. Gli eventi collaterali sono tantissimi, sarà una manifestazione turistico-sportiva all’altezza della città di Imperia. Siamo soddisfatti di tutto il lavoro fatto“.

Marco Scajola

“È un momento difficile per tutta la Liguria, oltre che per Genova, per i tragici fatti del ponte Morandi. Questa è un’occasione per far vedere che la Liguria si rialza, facendo vedere che venire in Liguria si può e si deve. La manifestazione Vele d’Epoca è d’eccellenza ed è un bene di tutta la Liguria, per questo come Regione la sosteniamo. Queste manifestazioni servono per aiutare il nostro territorio colpito da fatti drammatici. I comuni sono pronti per rialzarsi per fare una Genova e una Liguria più forte per recuperare gli errori passati. Con le Vele d’Epoca vogliamo mandare un messaggio di serenità e di bellezza”.