REGIONALI 2015. FORZA ITALIA, FALCIOLA: “A IMPERIA IL SINDACO CAPACCI SFIDUCIATO DAI CITTADINI. RIBALTATO L’ESITO DELLE COMUNALI”

Home Politica

11280616_573134259492593_1897507803_n

“Forza Italia ha chiuso questa tornata elettorale al 19,66%, il dato più alto di tutte le province liguri. Il dato di Forza Italia in provincia di Imperia è uno dei più importanti a livello italianoperché il dato della provincia di Imperia diventi ligure e poi nazionale, occorre una riorganizzazione interna e la creazione di un nuovo soggetto politico a livello nazionale in grado di confrontarsi con i cittadini moderati”. È ovviamente molto soddisfatto Luca Falciola, consigliere comunale di Forza Italia a Imperia, il giorno dopo il successo elettorale del centrodestra alle elezioni regionali. Contattato da ImperiaPost, Falciola ha analizzato l`esito del voto e lanciato la sua personale proposta per la rinascita a livello nazionale del centrodestra.

“Innanzitutto voglio fare i complimenti a Giovanni Toti, nuovo Governatore della Regione Liguria – ha dichiarato Falciola – Per quanto concerne la situazione politica locale, credo sia necessaria un’analisi dettagliata del voto. Forza Italia ha chiuso questa tornata elettorale al 19,66%, il dato più alto di tutte le province liguri e questo anche grazie al nostro candidato di riferimento, Marco Scajola, che è stato il più votato. Il dato di Forza Italia in provincia di Imperia è uno dei più importanti a livello nazionale, in totale controtendenza. Non si può, però, sottacere sul forte astensionismo. Il compito di ciascuno di noi è quello di coinvolgere maggiormente la cittadinanza nelle scelte amministrative. Da due anni Imperia è retta da un’amministrazione di sinistra che, a causa delle sue scelte, fuori dal tempo e dal contesto sociale, dettate solo dal personale gradimento del Sindaco Capacci, presidente di Liguria Cambia, ha portato gli elettori a esprimere in questa tornata elettorale un voto di sfiducia.

Forza Italia era uscita con le ossa rotte dalle scorse elezioni amministrative, ma grazie al lavoro dei consiglieri comunali, del coordinatore cittadino Antonello Ranise e delle decine di volontari, è riuscita, insieme a tutta la coalizione, composta da Lega Nord, Fratelli dl’Italia e Area Popolare, a ribaltare la situazione. Ora, perché il dato di Forza Italia in provincia di Imperia diventi ligure e poi nazionale, occorre una riorganizzazione interna e la creazione di un nuovo soggetto politico a livello nazionale in grado di confrontarsi con i cittadini moderati. Noi come consiglieri e gli stessi volontari del partito, siamo dipendenti dei cittadini e abbiamo il compito di interagire con l’elettorato. In questi anni abbiamo portato avanti battaglie giuste, è arrivato il momento di allargare il progetto a chi vuole iniziare a fare politica e a portare nuove idee. Imperia ha problemi gravissimi, come la spazzatura, il degrado urbano, il depuratore, la viabilità, il lavoro, i lavori pubblici troppo lenti e molto altro ancora, ma l’amministrazione è troppo impegnata a mettere insieme i cocci al suo interno per risolverli. Noi, invece, possiamo farlo, ma abbiamo bisogno dei cittadini.

Dopo dieci anni di immobilismo e politiche di potere, finalmente la Liguria ha di nuovo degli amministratori che si occuperanno a tempo pieno dei problemi e non scapperanno dalle difficoltà a differenza di Raffaella Paita. Il grande successo di Marco Scajola, inoltre, dimostra anche come i cittadini abbiano finalmente capito che Claudio Scajola è stato vittima in questi anni solo di attacchi politici e di una campagna mediatica di diffamazione e iniziano a ricordare tutto quello che ha fatto per il nostro territorio”.