COSTARAINERA. IL SINDACO GANDOLFO INCONTRA IL PRIMO CITTADINO DI GUNDENSBERG SUL PROGETTO EUROPEO LEGATO ALLA CULTURA E ALL’ARTE /I DETTAGLI

Attualità Home

collage costarainera tedesca

COSTARAINERA e la valle del san lorenzo CONTINUAno A “PENSARE OLTRE CONFINE”, incontrando ieri il cosiddetto “MAGISTRAT DER STADT” della cittadina tedesca DI GUNDENSBERG per definire i dettagli di un protocollo di collaborazione in cui condividere la partecipazione civica dei due comuni per valorizzare, a livello europeo, le tradizioni, l’arte, la cultura e la memoria storica in un’unica ed originale offerta turistica

“Una giornata davvero importante e coinvolgente quella di ieri – ha affermato il Dott. Antonello GANDOLFO, Sindaco di Costarainera – in cui insieme al Dott. Stefano PIRERO, esperto di beni storico-artistici e di storia dell’arte medievale, abbiamo avuto l’onore di accogliere ed incontrare Frank BORNER, Sindaco di Gudensberg, bellissima cittadina tedesca di circa 10.000 abitanti situata nel Land dell’Assia, al confine sud-est della riserva naturale di Habichtswald, territorio ricco di cultura e di storia, già dall’XII Secolo D.C.“.

L’appuntamento è stato inserito nelle attività previste dal Progetto europeo “BEST OF” – azione prevista dal Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Francia ALCOTRA 2007-13 – che vede protagonisti i Cittadini, le Imprese e le Istituzioni della Valle del San Lorenzo in un percorso di valorizzazione e rilancio di un territorio unico per caratteristiche, storia, identità ed arte.

“All’incontro – continua GANDOLFOha partecipato anche Carin GRUDDA, artista di fama internazionale, residente da molti anni nella Valle del San Lorenzo, ma originaria proprio di Gudensberg e che, oltre ad aver reso possibile l’incontro, sta preparando insieme a noi diverse attività di valorizzazione culturale ed artistica a livello europeo. Auspichiamo che questa consolidata collaborazione possa avere ricadute economiche sul territorio e consentire davvero a tutti di appassionarsi all’arte come patrimonio, tradizione e cultura contemporanee, conciliando così creatività e dimensione etica con crescita economica e sviluppo sostenibile”.

“La cultura, l’arte e la condivisione del patrimonio locale sono l’esempio di come territori distanti dal punto di vista geografico possano facilmente parlare la stessa lingua ha affermato il Dott. Enrico Molinari, Manager del turismo della Valle del San Lorenzo – e di come oggi servano ingredienti indispensabili per ripensare il turismo in ottica di sistema europeo”.

“Inoltre – continua MOLINARI – la competitività dei territori passa anche attraverso il desiderio di rendere accessibile a tutti e per tutto l’anno il patrimonio culturale ed artistico che si possiede e di renderlo elemento cardine intorno a cui costruire un’offerta turistica migliore che, come in qualsiasi altro settore economico, possa far fronte a una concorrenza mondiale vivace con i paesi emergenti o in via di sviluppo, capaci di attirare un numero sempre più grande di turisti”.

Un turismo nella Valle del San Lorenzo, quindi, sempre più sostenibile e di qualità, studiato per proteggere e promuovere la diversità culturale e linguistica e per incoraggiare la ricchezza artistica europea.
Mediante tali azioni è possibile valorizzare i vantaggi competitivi del territorio, comunicando lo straordinario patrimonio culturale ligure ed italiano, anche grazie all’accesso alle diverse misure e forme di finanziamento a tema messe a disposizione oggi dalla Commissione europea ed ai progetti di cooperazione a sostegno del turismo transnazionale basati sul patrimonio culturale.