1 Marzo 2024 05:23

Cerca
Close this search box.

1 Marzo 2024 05:23

IMPERIA. PALLANUOTO FEMMINILE. LA RARI NANTES PERDE I PEZZI. LO SPONSOR “LINEA MEDITERRANEA” DICE ADDIO E GLI ALTRI… / DETTAGLI

In breve: Con una lettera inviata alla società, il patron della "Linea Mediterranea" Lucio Carli ha comunicato che per la stagione 2015/2016 la sua azienda non sponsorizzerà la società sportiva presieduta da Luca Ramone.

RAMONE CARLI

Imperia – “Mediterranea” ADDIO. Con una lettera inviata alla società, il patron della “Linea Mediterranea” Lucio Carli, main sponsor della prima squadra femminile (campione d’Europa) della Rari Nantes Imperia, ha comunicato che per la stagione 2015/2016 la sua azienda non sponsorizzerà la società sportiva presieduta da Luca Ramone (nella foto in acqua). Quest’ultimo poco più di un mese fa aveva dichiarato che “l’obiettivo principale della società è quello di ricostruire una squadra intorno alle figure delle nazionali”.
Le “nazionali” Giulia Emmolo, emigrata in Grecia all’Olympiakos, e Giulia Gorlero ,approdata al Messina. Ma le due “nazionali” sono solo le ultime in ordine cronologico che hanno deciso di lasciare la Rari Nantes targata Ramone. Nel giro di poche settimane, dopo il braccio di ferro con il coach Capanna (ora mister del Cosenza), apparentemente vinto da Ramone, è iniziata una vera e propria diaspora che ha portato la squadra più forte d’Europa a perdere ben 6 titolari su 7  (Anaid Ralat, Elisa Casanova, Giulia Emmolo, Giulia Gorlero, Silvia Motta e Francesca Pomeri) e l’ultima (Merci Stieber) a trasformarla in allenatrice.
Una Rari Nantes versione ridotta che, al di là alle innumerevoli polemiche che hanno riguardato la gestione Ramone, da parte dei soci, dei tifosi e dell’ex sindaco Paolo Strescino, non assicura una competitività necessaria per garantire un investimento pubblicitario di alcune decine di migliaia di euro da parte della “Linea Mediterranea”. Dello stesso avviso anche altri importanti sponsor come la Strescino Srl, Germauto e probabilmente anche l’Assicurazione Unipol. 

Condividi questo articolo: