24 Aprile 2024 10:34

Cerca
Close this search box.

24 Aprile 2024 10:34

ELEZIONI DIANO MARINA. IL LEADER DELLA LEGA SALVINI: “IL PRIMO LADRO IN ITALIA E’ LO STATO. MI VERGOGNO QUANDO VEDO LA FORNERO IN TV”/FOTO E VIDEO

In breve: "Io lo dico, patti chiari e amicizia lunga, uniti si vince, ma senza e Fini e quelle cariatidi li, perché ci abbiamo già provato. Quindi scommettere sul cittadino e non sullo Stato"

13293049_712994152173269_1354794786_n

Decine di persone, questa sera, hanno assistito al comizio del leader della Lega Nord Matteo Salvini, a Diano Marina per sostenere la candidatura a Sindaco di Giacomo Chiappori in vista delle elezioni comunali del prossimo 5 giugno. Salvini è arrivato in auto intorno alle 18.30. Dopo le interviste con la stampa e le foto di rito nel point elettorale della lista “Viva Diano”, Salvini ha iniziato il comizio, presentato dall’assessore regionale Edoardo Rixi e, ovviamente, dal Sindaco Giacomo Chiappori.

EDOARDO RIXI

“A Diano Marina Chiappori ha vissuto momenti difficili, ma non mai fatto un passo indietro, ci ha messo la faccia per portare a compimento un programma per migliorare Diano Marina. E’ un segnale importante che Matteo sia qui in tutte le piazze. Abbiamo bisogno di democrazia e libertà. Da Diano Marina parte una rivoluzione silenziosa. E’ un punto di partenza. E’ necessario in Italia rimboccarci le maniche e cominciare a lavorare per far tornare i cittadini a votare. Non possiamo far finta di non vedere cosa succede al confine con Ventimiglia. Non possiamo accettare una città con un Premier nominato e in votato. Vogliamo un’Italia con più lavoro e qualche immigrato clandestino in meno”.

GIACOMO CHIAPPORI

“Sono molto soddisfatto. Si parla di genuinità. Quelle di Salvini sono parole semplici, di un leader che ormai è affermato e che vuole bene alla sua terra e anche a Diano Marina che io oggi rappresento. Sono contento perché l’ho conosciuto ragazzo, l’ho conosciuto che era presidente dei Giovani Padani. Adesso è il segretario nazionale e quindi ha fatto un bel salto di qualità. Io invece faccio volentieri il Sindaco di Diano Marina”.

https://www.youtube.com/watch?v=OQj4Qo-WQlQ

MATTEO SALVINI

“Perché rivotare Giacomo (Chiappori, ndr)? A me basterebbe solo un motivo. Perché per questa, che è una città che vive anche di mare, di sole, di spiaggia, di alberghi e di bellezze, avere un Sindaco leghista ha significato in passato e significherà in futuro, a differenza di quello che accadrebbe con la sinistra, che si chiama il Prefetto e ti dice: ‘Guarda ho un problema, ce ne ho troppi in giro per la provincia di Imperia, non è che a Diano Marina mi prendi cento immigrati, il Sindaco della Lega dice no, non ci pensare neanche’. Andate a Ventimiglia, andate a fare due passi a Ventimiglia, andate a vedere come comincia bene la stagione turistica, con un Sindaco del Pd, addirittura costretto a sospendersi dal Pd, perché dice ‘il Governo non fa un accidenti per aiutare il mio paese’. Provate a pensare a un centinaio…non di profughi. Perché quelli che ci sono in giro, non sono profughi. Io lo ripeto, per le donne e i bambini che scappano dalla guerra davvero, dalle bestie dell’Isis, l’accoglienza è sacrosanta.

Ma io che giro tutta l’Italia, di donne e bambini che arrivano dalla Siria, ne vedo pochini. Io vedo ragazzi di 20 anni belli robusti, con le scarpe da tennis, il cappellino, il telefonino e le cuffiette, in giro tutto il giorno a non fare un accidente. Dalla mattina alla sera. Che protestano se gli dai gli spaghetti che non gli vanno bene perché sono troppo cotti. Un conto è accogliere chi scappa dalla guerra, un contro è rispedire a casa sua chi viene qua a fare il fenomeno. Perché io porto rispetto a chi porta rispetto. Quindi casa mia è aperta, però ad alcune condizioni. Se arrivi qua ti integro, ti offro una prospettiva di vita a te e ai tuoi figli, però se dopo un pò, ‘ guarda Giacomo, guarda Matteo, grazie però il presepe non mi piace, il campanile non mi piace, le campane non mi piacciono, il crocefisso non mi piace’, torna a casa tua e fai quello che vuoi. Non dobbiamo essere noi a cambiare il nostro modo di vivere e di lavorare perché sei arrivato te. Un Sindaco deve avere le forza di dire si a chi bisogna dire si e i no a ci bisogna dire no”.

https://www.youtube.com/watch?v=35F5y-AxImg&app=desktop

“Noi vogliamo dei turisti che pagano, non dei turisti che pagate voi 35 euro al giorno in albergo per farsi colazione, pranzo e cena e se va bene andare a scippare i turisti sul lungomare. Basta andare a vedere i Comuni amministrati dal Pd in questa Riviera come sono messi. E se vogliamo aggiungere un’altra motivazione per votare Giacomo, questa volta nazionale… la dico perché è proprio fresca di ieri, perché ero a Bruxelles a votare in Parlamento. Ci sono gli Eurodeputati di sinistra che su una direttiva che l’anno prossimo rischia di far saltare trentamila posti di lavoro in tutta Italia, fra cui migliaia anche in Liguria, si chiama direttiva Bolkenstein e significa che le spiagge vengono vendute al miglior offerente alla faccia di quelli che ci hanno sudato per decenni, votano si. Perché solo la Lega negli anni passati ha votato no su questa direttiva, perché a sinistra sono convinti che la Coop sei tu e anche sulle spiagge vedono delle cooperative rosse con cui sfruttare lavoratori a 4 euro all’ora e chi si è visto si è visto. Noi vogliamo ancora difendere i piccoli. Quello di Diano non sarà solo un voto locale. Mi darà più forza a livello nazionale per combattere tre o quattro battaglie su cui io non mi arrendo fino a che non lo portiamo casa”.

https://www.youtube.com/watch?v=XG0YFkSo5Ak&app=desktop

“L’emergenza in Italia è il lavoro. Per far ripartire il lavoro in Italia non occorre un genio, non occorre Mario Monti. L’abbiamo già provato Mario Monti con le sue 18 lauree alla Bocconi. Occorre una persona normale. Cosa faremo noi anche grazie al voto di Diano Marina, al posto di Renzi per far ripartire il lavoro? Niente di particolarmente intelligente. Qualcosa che un ragazzo di 15 anni arriverebbe a capire. Cancellare la legge Fornero che è una legge infame, che sta rubando anni di vita, di lavoro e di speranza a milioni di italiani.

Perché un ragazzino delle medie arriva a capire, a differenza di Renzi, che se tu tieni sul lavoro uno fino a 67 anni, chi di anni ne ha 20, quando comincia a fare il poliziotto, l’insegnante, l’infermiere, il muratore, il camionista, la maestra. Io penso che andare in pensione dopo aver pagato 40-41 anni di contributi sia un diritto sacrosanto e non un privilegio. Mi vergogno ogni volta che vedo la Fornero parlare in televisione. Perché in un paese normale la Fornero sarebbe esiliata, in un’isola deserta”.

https://www.youtube.com/watch?v=BE9QeWTjhWU&app=desktop

“A me ha detto ‘ma Salvini, dai insomma, sono cambiati i tempi, a 65 anni uno deve ancora lavorare’. Vai a dirlo a tua figlia. Questa settimana a Bologna c’è stato un concorso pubblico per infermieri e per un posto fisso da infermiere sono arrivati a Bologna in 16 mila da tutta Italia. E poi quel fenomeno di Renzi dice ‘ho tagliato le tasse, è ripartito il lavoro’. E infatti poi tremila italiani vanno a Londra per fare gli infermieri perché qua o sei della Cooperativa giusta o l’infermiere non lo fai per il resto dei tuoi giorni. Un altro 13enne capirebbe che in un momento di crisi economica come questo, un altro strumento che sta bloccando il mondo del lavoro sono gli studi di settore. Via gli studi di settore, che stanno bloccando interi settori produttivi. Una tassazione normale, senza gli anticipi di fiscali. L’Italia è l’unico Paese al mondo dove ti fanno pagare degli anticipi fiscali del 100% sull’anno dopo. Cioè lo Stato Italiano, ladro, perché il primo ladro in Italia è lo stato italiano, ti fa pagare nel 2016 le tasse su quello che forse guadagnerai nel 2017. Tu intanto paga, se poi tu chiudi o non incassi, chi si è visto si è visto. Ma a voi pare normale?

Abbiamo sbagliato in passato a non fare questa rivoluzione. Forse perché in passato l’alleanza del centrodestra era un pò troppo incasinata e affollata. E Fini e Casini e Buttiglione e mia nonna e mia sorella e Alfano, non si riusciva a fare niente. . E’ lo Stato che dovrebbe dimostrarci come spende i soldi che gli diamo in tasse. Non è il cittadino che dovrebbe giustificarsi di quello che ha speso cinque anni fa e se non ti sei tenuto la ricevuta sei fottuto. Se ci aggiungiamo due ragionamenti sulla sicurezza. A volte qualcuno del Pd mi dice ‘ma Salvini sei fissato con la sicurezza’. Si, perché io voglio che a Diano Marina, come a Milano, una ragazza possa prendere l’autobus senza che i genitori abbiano l’angoscia. Una ragazza deve potersi mettere la minigonna o andare in costume in spiaggia senza rischiare di sentirsi mettere le mani addosso. E’ chiedere troppo? Anche qui la proposta della Lega, che Renzi sta tenendo ferma in Parlamento da due anni, è quelle che sancisce un principio sacrosanto: la legittima difesa è sempre legittima difesa. Non esiste il reato di eccesso di legittima difesa”.

https://www.youtube.com/watch?v=ZNiznet-uVg&app=desktop

“Non è che uno possa aspettare di essere accoltellato per difendersi, perché altrimenti avremo tanti legittimi funerali di gente per bene che non si è potuta difendere. Noi diciamo cose normali, a volte è quasi imbarazzante. Noi l’8 maggio abbiamo dovuto fare mille gazebo in tutta Italia per ricordare una cosa: che domenica 8 maggio era una data rivoluzionaria per qualcuno, era la festa della mamma. Perché per qualcuno i concetti di mamma e papà sono superati. Ora un conto è rispettare le persone per le loro scelte di vita. Lo Stato non deve entrare in camera da letto, quindi ognuno della sua vita fa quello che vuole, con chi vuole, quando vuole e dove vuole. Quando vado dal medico non gli chiedo ‘mi scusi le è omosessuale o eterosessuale’. Vado dal medico contando di avere un bravo medico di fronte.

Però un conto è il rispetto, che è dovuto, e un conto è imporre il mondo al contrario che arriverebbe oggi alle adozioni gay, alle quali io mi opporrò finché campo. Perché un bambino ha bisogno di una mamma e di un papà, non dell’utero in affitto, del genitore 1 ecc... Io conto che Giacomo Sindaco non faccia quello che c’è sui moduli del Comune di Milano, per le pre-iscrizioni a scuola dei miei figli e dei nostri figli, dove si compila non più come mamma e papà, ma come genitore 1 e genitore 2. A parte il fatto che io non ho capito se sono genitore 1 o genitore 2, ma poi il papa è il papà e la mamma è la mamma”.

https://www.youtube.com/watch?v=-5VeXTB3e38&app=desktop

[wzslider autoplay=”true” transition=”‘slide’” lightbox=”true”]

Condividi questo articolo: