IMPERIA. PATENTI E CERTIFICATI PER IL PORTO D’ARMI “IRREGOLARI”. CONFERMATA IN CASSAZIONE LA SOSPENSIONE DEI DUE MEDICI INDAGATI / I DETTAGLI

Cronaca Home

mastroianni-guadagno

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dai legali di Francesco Mastroianni e di Leodino Guadagno (dirigente Asl) contro la sospensione di 12 mesi dalla professione medica emessa dal Tribunale del Riesame di Genova. La misura cautelare era stata richiesta dal Procuratore aggiunto Grazia Pradella e dal sostituto Marco Zocco nell’ambito dell’inchiesta condotta dalla Guardia di Finanza di Imperia per fare luce sulle procedure di effettuazione delle previste visite mediche prodromiche al rilascio/rinnovo delle patenti e dei certificati per il porto d’armi. Il reato contestato è il falso.

Nel dettaglio, Mastroianni secondo le accuse avrebbe in più casi omesso di effettuare le prescritte visite mediche per il rilascio delle patenti di guida.

Leodino Guagagno, invece, secondo le accuse, forniva certificati in bianco e da lui firmati a Mastroianni che provvedeva a consegnare ai richiedenti, a fronte del pagamento di 50 euro – che poi dividevano -, al di fuori di ambulatorio medico, senza averne titolo e senza aver sottoposto gli utenti preliminarmente alle prescritte visite ed accertamenti specialistici necessari al rilascio.