IMPERIA. IL BILANCIO DELL’ATTIVITÀ DELL’ASSOCIAZIONE ITALIANA DONATORI ORGANI DELL’ANNO 2016 /TUTTI I DATI

Cultura e manifestazioni Home

collage_donazioniaido

“Un anno di intensa attività, che ha visto gli operatori Aido imperiesi, impegnati in diversi progetti aperti, a favore dell’ informazione oltre che del volontariato vero e proprio ed in favore di persone povere e disagiate” – Così la sezione Provinciale di A.I.D.O. (Associazione Italiana Donatori Organi) , con una nota stampa.

“In particolare, con la campagna “Progetto Scuola”, un team di volontari appositamente formati, si sono recati presso diverse Istituti di Imperia e, grazie al lavoro svolto in sinergia con le insegnanti, sono stati affrontati temi riguardanti la donazione degli organi e del midollo osseo, avendo così un confronto diretto con gli alunni delle quinte classi così da poter dirimere dubbi e perplessità.

Grazie anche ai test predisposti che, gli studenti non hanno esitato a compilare, sono riusciti a raggiungere un ottimo livello di apprendimento sulla materia, dando anche un giudizio in merito alle lezioni svolte e, suggerimenti per migliorare la qualità dell’informazione.

Inoltre, col progetto “Provvedere ed Aiutare” gli operatori Aido hanno raccolto, grazie a parecchi cittadini, animati da alto senso civico e vicini all’associazione, alimenti, vestiario, giocattoli e somme di danaro che, hanno permesso di aiutare famiglie del comprensorio imperiese e a far trascorrere un sereno Natale e un lieto fine anno.

Tante, sono state le manifestazioni, di gratitudine e riconoscenza, ricevuti dalle Suore, dai Frati, dai responsabili Caritas da alcune famiglie e da un centro accoglienza per minori, per quanto loro dato e, da numerosi frequentatori della biblioteca civica dove l’Aido, ha donato e fatto collocare, un defibrillatore di ultima generazione, a disposizione degli utenti e della vicina Calata Cuneo e Piazza De Amicis.

Tutto questo, ci incoraggia ad andare avanti nel nostro cammino di aiuto, solidarietà e di informazione, quest’ultima acquisita grazie alla professionalità di medici ed infermieri a noi vicini per aumentare così, la possibilità di curare e guarire persone gravemente ammalate o in attesa di trapianto.

Un grazie di cuore a tutti, ai trapiantati e familiari dei donatori che hanno partecipato e partecipano alle nostre attività di aiuto e culturali nonché, delle esperienze personali vissute e, tutti coloro che collaborano nelle nostre attività di aiuto e solidarietà. Questo è il nostro lavoro. Questa è la nostra Associazione. Questo è il nostro impegno”.

C.S.