15 Giugno 2024 07:30

Cerca
Close this search box.

15 Giugno 2024 07:30

DIANO MARINA. SPOSTAMENTO A MONTE DELLA STAZIONE. IL COMITATO CITTADINO:”C’È MOLTA CONFUSIONE SUL RIUTILIZZO DELL’EX SEDIME FERROVIARIO”

In breve: così Andrea Guglieri e Mimmo Bisso del comitato cittadino per la legalità, con una nota stampa

collage_comitato_pista_saACCCA

“Mercoledì 1 febbraio, in Consiglio Comunale di Diano Marina verrà posto in discussione l’utilizzo del sedime ferroviario lasciato libero dallo spostamento a monte della ferrovia. La cosa assume un aspetto poco chiaro. Di che cosa si discute, quando l’Amministrazione Comunale ha commissionato all’ing Rolando di Sanremo uno studio di fattibilità molto articolato e crediamo anche molto costoso, dal quale si evince che il tratto dismesso sarà utilizzato per far posto allo spostamento della via Aurelia. A questo punto si genera una confusione – così Andrea Guglieri e Mimmo Bisso del comitato cittadino per la legalità, con una nota stampa.

“In campagna elettorale il Sindaco, pare avesse dichiarato, che sul tratto dismesso sarebbe passata la pista ciclabile; soluzione caldeggiata da molti dianesi. In particolare è sorto un comitato spontaneo costituito da molti giovani che sostengono convintamente la soluzione per la pista ciclabile. Sorprende positivamente che dei giovani, che normalmente sono restii a partecipare alla vita pubblica e in particolare a quella politica prendano posizione. Non è chiaro per quale soluzione propende la Regione Liguria. Sappiamo soltanto che la Giunta Burlando era favorevole all’inserimento della pista ciclabile nella tratta dismessa.

Oggi, però, a Genova comanda il centro destra che potrebbe anche aver mutato posizione. L’unica delibera di Giunta Regionale, n. 985/2016, a nostra conoscenza, dispone un contributo di 100.000 euro per un progetto denominato “Turismo attivo” ma riguardante piste ciclabili già attive. I comuni limitrofi hanno espresso parere?

L’unica soluzione razionale, largamente condivisa, è quella di coinvolgere la cittadinanza con un referendum preceduto da ampi dibattiti pubblici”.

Condividi questo articolo: