21 Maggio 2024 21:49

Cerca
Close this search box.

21 Maggio 2024 21:49

IMPERIA. PROGETTO “JARDIVAL”. ALLA TAVOLA ROTONDA IN PROVINCIA, TANTE IDEE PER RECUPERARE I GIARDINI DEL TERRITORIO:”PORTERANNO LAVORO E TURISMO”/FOTO E VIDEO

In breve: Grandi stimoli e proposte all'interno della tavola rotonda organizzata durante la giornata dedicata al progetto europeo JARDIVAL, iniziata questa mattina presso la sede della Provincia di Imperia.

19181808_10211495686681747_419549759_o

Grandi stimoli e proposte all’interno della tavola rotonda organizzata durante la giornata dedicata al progetto europeo JARDIVAL, iniziata questa mattina presso la sede della Provincia di Imperia.

Il progetto si inserisce all’interno del Programma INTERREG ALCOTRA 2014‐2020 di Cooperazione Transfrontaliera Italia‐Francia, e dedicato alla valorizzazione e alla promozione dei Giardini della Riviera franco‐italiana in un circuito di offerta turistica internazionale.

Lo scopo della giornata è quello di confrontarsi concretamente sul futuro che il prodotto turistico parchi e giardini può rappresentare per la diversificazione dell’offerta turistica e per lo sviluppo dei sistemi produttivi e turistici locali.

CARLO CAPACCI

“È un progetto che mira ad una tavola rotonda nella quale si vuole portare all’evidenza il grande patrimonio che è sito nel nostro territorio, nel territorio provinciale, con i giardini.

Noi a Imperia abbiamo i giardini di villa Grock, villa Ormond a Sanremo, Hanbury e tanti altri giardini.

Si vuole quindi porre l’attenzione su questi luoghi che da una parte costituiscono la memoria storica dei nostri progenitori che li hanno realizzati e sono stati poi mantenuti, dall’altra c’è un problema di gestione.

Costa soldi gestirli, soldi che gli enti non hanno. Villa Grock ad Imperia è di proprietà della provincia ed è estremamente difficile gestirlo.

Si vuole cercare di fare una rete network per utilizzarli, sfruttarli, a scopo turistico. È chiaro che se si riesce a fare venire tanta gente a visitare questi giardini si creano poi le condizioni a fare magari anche eventi, matrimoni, piuttosto che convegni e qualunque altra cosa si possa fare in questi luoghi, come anche percorsi terapeutici per persone che magari hanno problemi fisici di deambulazione.

Ecco che allora forse si riuscirebbe a creare un qualcosa di aggiuntivo per il turismo nel nostro territorio e un modo anche per recuperare il denaro necessario per la gestione di questi parchi in modo che non vadano perduti e continuino ad essere ricordati”.

JUDITH WADE (Grandi Giardini Italiani)

“Tavola rotonda dedicata ai giardini come una risorsa economica e sociale per le imprese. Rimettendo a posto i giardini in Riviera che avete ereditato diciamo dagli anni ’20, ’30 e ’40, si possono creare posti di lavoro.

Creare una nuova offerta turistica, diversa dal turismo balneare, in cui le persone possano venire in Riviera perchè visitare un giardino è bellissimo in marzo come è bellissimo in ottobre.

Villa Grock ha una storia di grandissimo successo. È un giardino non fatto di piante, è un giardino ludico e fra uno dei pochissimi “follies” al mondo. Il più antico è quello di Bomarzo che è nel viterbese. Ci sono “follies” in tutto il mondo. In più è legato ad un clown svizzero, quindi si strizza l’occhio anche al turismo elvetico.

Grazie a Jardival, questo contributo per rimetterlo in rete e per promuoverlo, sarà un grande “success story” in villa Grock. Ne sono sicura”.

[wzslider autoplay=”true” interval=”6000″ transition=”‘slide’” lightbox=”true”]

Condividi questo articolo: