IMPERIA. “VADO IN DISCOTECA”, POI SPARISCE NEL NULLA. ORE DI APPRENSIONE PER UNA 13ENNE, RITROVATA DAI CARABINIERI/ECCO COSA E’ SUCCESSO

Cronaca Home

ragazzina scomparsa

“Vado in discoteca”. Queste le ultime parole rivolte alla propria famiglia giovedì sera, prima di sparire del nulla. E’ successo a Imperia, protagonista una 13enne che ha fatto vivere ai genitori ore di grande apprensione. Dopo aver raccontato di voler trascorrere la serata nella rinomata discoteca di Alassio “Le Vele”, la 13enne ha fatto perdere le proprie tracce, convincendo un coetaneo a telefonare a casa dei genitori raccontanto di essere il padre di un’amica a casa della quale la 13enne avrebbe trascorso la notte, una volta terminata la serata in discoteca.

Un escamotage per guadagnare altro tempo, ma che non ha convinto a pieno la famiglia della giovane, tanto che i genitori alle 19 sono andati a sporgere denuncia presso la Caserma dei Carabinieri di Imperia visto che la figlia risultava irrintracciabile al telefonino.

Si sono così immediatamente avviate le ricerche. I militari, coordinati dal Comandante della Stazione, sono riusciti a risalire, grazie ai social e ai tabulati telefonici, all’identità del giovane che, al telefono, si era spacciato per il papà di un’amica della 13enne. Convocato in Caserma, il giovane ha raccontato di essere all’oscuro delle intenzioni della 13enne e di non conoscerne gli spostamenti. I militari sono però riusciti, nel corso dell’interrogatorio, a risalire al nome di un’amica della 13enne. Convocata in Caserma, la giovane ha svelato dove si trovava l’amica, a Torino, a casa di un 18enne.

I Carabinieri si sono così immediatamente messi in contatto con il 18enne che, dopo aver negato in un primo momento il proprio coinvolgimento, ha ammesso di essere in compagnia della 13enne che, una volta scoperta, ha risposto alle chiamate dei genitori, dicendosi pronta a tornare a casa.

La 13enne ha riabbracciato la famiglia nella tarda mattinata di ieri, sabato 19 agosto.

La madre della giovane ha contattato a ImperiaPost per ringraziare pubblicamente l’operato dei Carabinieri di Imperia:Sono stati professionali. Alle 19 abbiamo presentato denuncia e alle 23, dopo solo 4 ore, avevano già ritrovato nostra figlia. Se non fossero stati così tempestivi non avremmo potuto riabbracciare nostra figlia. Il Comandante e tutti i suoi collaboratori hanno svolto un lavoro egregio e li ringrazio con tutto il cuore”.

Il giovane che ha ospitato la 13enne rischia ora una denuncia penale.