IMPERIA. GIUSEPPE ASCHERI DONA AL MUSEO NAVALE UN PRESEPE A TEMA “PESCATORI”:”HO RICREATO L’AMBIENTAZIONE DI FINE 800. LA CHIESA DI BORGO PERI…”/LE IMMAGINI

Home Imperia

Un presepe ambientato ai piedi della chiesa di Borgo Peri, a Oneglia, dove la natività è rappresentata da una famiglia di pescatori.

MSGIUP

 

Un presepe ambientato ai piedi della chiesa di Borgo Peri, a Oneglia, dove la natività è rappresentata da una famiglia di pescatori. 

È questa l’opera realizzata dal presepista imperiese Giuseppe Ascheri, da anni noto per le sue creazioni “a tema”. Vista l’affinità con le tematiche del Museo Navale, Ascheri ha deciso di donare il presepe all’istituto.

“Il comandante Serafini è stato entusiasta dell’idea – racconta Giuseppe Ascheri a ImperiaPost – ha accettato la donazione che ora si trova all’ingresso del Museo, vicino alla biglietteria. Per realizzarla ci ho messo circa 2 mesi, lavorando solo nel weekend.

Questo presepe ricrea la natività a tema “pescatori”, secondo la nostra tradizione – continua – Ho ricostruito l’ambientazione secondo le cartoline di Oneglia di fino 800 e inizio 900. Non c’era la strada carrozzabile né la spianata, quindi subito dopo i muri della chiesa di Borgo Peri c’era la costa. Il mare lambiva quasi la chiesa. Ho riprodotto questo scorcio come appariva allora, solo aggiungendo un po’ di sabbia, su cui ho posizionato un gozzo tirato in secca. L’autore del gozzo è stato Franco Ramella.

Per le figure della natività ho contattato uno sculture di Ragusa, a cui ho mandato delle foto d’epoca dei pescatori. Ha realizzato i personaggi adattandoli alla barchetta in terracotta, sono pezzi unici. La Sacra Famiglia è come se fosse appena tornata dalla pesca, con accanto cesti pieni di pesci e a fianco un pescatore che cuce la rete, come si vedevano una volta. Ho usato la resina per creare l’effetto d’acqua.

Per aggiungere qualche curiosità, il tetto della Chiesa è coperto da oltre 1400 tegole, fatte con il das, e la cuspide a cipolla è composta da mille scaglie.

Infine, mi richiamo a una poesia di Vincenzo Cardarelli “Sera di Liguria”, in cui afferma: “Le chiese sulla riva paiono navi che stanno per salpare”. È proprio il caso della chiesa di Borgo Peri – conclude – tipica ligure, le cui mura una volta toccavano quasi l’acqua”.

[wzslider autoplay=”true” interval=”6000″ transition=”‘slide'” lightbox=”true”]

Segui Imperiapost anche su: