Attualità, Home — 5 gennaio 2018 alle 15:06

IMPERIA. RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI. RINNOVATO IL PROGETTO SPRAR PER IL TRIENNIO 2018-2020, IL COMUNE LANCIA UN BANDO/ECCO COSA PREVEDE

Confermata l’adesione del Comune di Imperia al progetto Sprar, il Comune cerca un soggetto per gestire i servizi di accoglienza.

di Redazione

scpmr

Confermata l’adesione del Comune di Imperia al progetto Sprar, il Comune cerca un soggetto per gestire i servizi di accoglienza.

Nell’agosto del 2016, l’amministrazione, aderendo al progetto per il biennio 2016-2017, ha ottenuto finanziamenti da oltre 600 mila euro per l’accoglienza di 29 richiedenti asilo e rifugiati, di cui 24 uomini e 5 donne. La scadenza era prevista per il 31 dicembre 2017 e, per questo motivo, il 20 luglio 2017, il Comune aveva inoltrato la richiesta per accedere ai finanziamenti per il triennio 2018-2020, in modo tale da dare stabilità ai progetti già avviati e semplificare il procedimento di accesso a nuovi progetti.

Essendo stata accolta la richiesta, il Comune ha aperto una gara per l’individuazione di un soggetto a cui dare la gestione e l’organizzazione dei servizi di accoglienza dei richiedenti asilo, per un valore stimato dell’appalto di 1.337.105 euro, per una durata contrattuale di 3 anni, con un’eventuale proroga di 6 mesi. L’affidamento è subordinato al finanziamento da parte del Ministero dell’Interno.

Nel periodo di tempo in cui si porterà avanti la procedura per l’affidamento, però, non è possibile sospendere il servizio di accoglienza dei 29 richiedenti asilo, di cui 24 uomini e 5 donne, attualmente accolti nelle strutture ordinarie, “trattandosi di persone di vulnerabilità e disagio”. Quindi “si è proceduto alla proroga tecnica dell’affidamento della gestione del Progetto Sprar Imperia, già attivo ed in scadenza al 31.12.2017, per l’Accoglienza, a favore degli attuali soggetti gestori ATS Jobel Soc. Coop. Soc. di Sanremo (IM)/Associazione Arci Liguria di Genova, per un periodo massimo di mesi 6 (sei), dal 1 gennaio 2018 al 30 Giugno 2018, e comunque entro la data, anche se antecedente al 30 giugno, di espletamento delle procedure di gara”.

 

La mancanza indizione della gara per l’affidamento dei servizi “non è dipesa da cause imputabili al Comune di Imperia in quanto l’elenco dei progetti ammessi alla prosecuzione del finanziamento per il triennio 2018/2020 non era stato ancora approvato con Decreto del Ministro dell’Interno anche ma non solo in ragione del fatto che quest’ultimo con nota prot. n. 0016613 del 26.10.2017 ha ribadito la non perentorietà dei termini del 30 settembre e del 31 marzo di cui all’art. 4, c. 3 delle Linee Guida allegate al citato decreto del 10.08.2016 secondo cui “(…) le istanze pervenute entro il 30 settembre possono essere esaminate ai ni della pubblicazione delle graduatorie per l’ammissione al nanziamento con decorrenza dall’1 gennaio dell’anno successivo (…)””.

Il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR) è costituito dalla rete degli enti locali che, per la realizzazione di progetti di accoglienza integrata accedono, nei limiti delle risorse disponibili, al Fondo Nazionale per le Politiche e i Servizi dell’Asilo.

ECCO GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO

“Il soggetto attuatore dovrà garantire al Comune di Imperia l’organizzazione e la gestione di un programma territoriale di accoglienza integrata per richiedenti asilo, beneficiari di protezione internazionale e titolari di permesso umanitario nell’ambito del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) per il triennio 2018-2020 per un numero massimo di 29 posti, già attivi e autorizzati dal Ministero dell’Interno – Dipartimento per le Libertà Civili e l’immigrazione, nell’ambito del programma di accoglienza integrata 2016-2017.

Il soggetto attuatore garantirà i servizi di accoglienza integrata propria dello SPRAR che hanno come obiettivo principale la (ri)conquista dell’autonomia individuale dei richiedenti/titolari di protezione internazionale e di permesso umanitario accolti. In questa ottica diventa essenziale collocare al centro del Sistema di protezione le persone accolte, rendendole protagoniste attive del proprio percorso di accoglienza ed integrazione anziché meri beneficiari passivi di interventi predisposti in loro favore”.

CARATTERISTICHE DEL PROGETTO

Il progetto di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati promosso dal Comune di Imperia si inserisce all’interno del Sistema SPRAR nazionale, dando continuità all’impegno già assunto con il progetto territoriale in scadenza il 31.12.2017.  L’accoglienza è intesa integrata.

Per accoglienza integrata si intende la messa in atto di interventi materiali di base (vitto e alloggio) insieme a servizi volti al supporto di percorsi di inclusione sociale funzionali alla (ri)conquista dell’autonomia individuale.

L’accoglienza integrata è costituita da servizi minimi, da garantirsi obbligatoriamente e come identificati nelle “Linee Guida per la presentazione delle domande di contributo per il Fondo Nazionale per le Politiche e i Servizi dell’Asilo”, come integrate dal “Manuale Operativo per l’attivazione e la gestione di servizi di accoglienza integrata in favore di richiedenti e titolari di protezione internazionale ed umanitaria del Servizio Centrale del Sistema di Protezione per richiedenti Asilo e Rifugiati”, attualmente in vigore”.