Home, Imperia — 28 gennaio 2018 alle 07:35

IMPERIA. “IN 20 ANNI HO FOTOGRAFATO OLTRE 300 STAZIONI DIVERSE”. IL 39ENNE FABIO VULLO E LA SUA PASSIONE PER I TRENI:”TUTTO È INIZIATO QUANDO…”/LA STORIA

Affascinato da tutto ciò che riguarda il mondo dei treni, l’imperiese 39enne Fabio Vullo, negli anni, ha fotografato oltre 300 stazioni ferroviarie.

di Gaia Ammirati

gehgt

Affascinato da tutto ciò che riguarda il mondo dei treni, l’imperiese 39enne Fabio Vullo, negli anni, ha fotografato oltre 300 stazioni ferroviarie.

Nella vita di tutti i giorni, Fabio è un docente, ma, appena ha l’occasione, sale a bordo di un treno, armato della sua macchina fotografica, alla ricerca di nuove stazioni da scoprire, per scattare fotografie mozzafiato e suggestive.

Moltissimi scatti, ovviamente, ritraggono stazioni liguri, in particolare le vecchie stazioni di Imperia Oneglia e Porto Maurizio, da un anno chiuse con l’inaugurazione del raddoppio ferroviario.

COM’È NATA QUESTA CURIOSA PASSIONE?

“Tutto è iniziato quando ero molto piccolo. I miei genitori sono siciliani, ma si sono trasferiti a Imperia prima della mia nascita. Quindi, fin da piccolo, sono stato abituato a mettermi in viaggio verso il loro paese natale per andare a trovare i parenti. Si saliva sui vecchi “Espresso”, ormai ne è rimasto solo più uno, che andava diretto in Sicilia, in circa 20 ore di viaggio. Per me era un’esperienza bellissima, ero entusiasta e passavo il tempo a guardare i paesaggi e le stazioni che incontravamo. Ancora adesso, ogni volta che posso, vado in Sicilia in treno”. 

QUANDO HA INIZIATO A FOTOGRAFARE?

“Crescendo, la passione per i treni e le stazioni è cresciuta e costringevo mio padre a portarmi in giro. All’età di 19-20 anni, poi, ho iniziato a fare le fotografie e a viaggiare da solo. La cosa più bella è scoprire stazioni nuove, treni nuovi, modelli innovativi.

Mi piace fotografare sia la struttura della stazione sia il paesaggio circostante. Inoltre, mi piace condividere i miei scatti e ricevere consigli/critiche dagli altri “ferroamatori” italiani”.

QUALI POSTI LE SONO RIMASTI NEL CUORE?

“Al primo posto c’è sicuramente la vecchia stazione di Imperia Oneglia. Quando è stata chiusa devo ammettere di aver pianto. È stata la prima stazione in cui sono andato e ci sono molto affezionato. L’ultimo giorno in cui la ferrovia a mare era in funzione, ovviamente, non potevo mancare, e ho fotografato il treno d’epoca e l’ultimo treno regionale. Un’altra stazione che ho nel cuore è quella che porta al paese dei miei genitori, Acquaviva Casteltermini. Inoltre, spettacolari sono state le stazioni del Giappone che ho visitato qualche anno fa. Sono efficienti, pulite e organizzate. Un altro posto mozzafiato è Hône-Bard in Valle D’Aosta, con alle spalle il forte di Bard“.

PERCHÈ IL TRENO È COSÌ IMPORTANTE PER LEI? 

“Secondo me il treno è il miglior mezzo di trasporto, inquina di meno, lo possono usare tutti, è low cost ed è anche un modo per socializzare“.

PROGETTI DA REALIZZARE?

I miei sogni sono quelli di viaggiare sulla Transiberiana e fare la Coast to Coast negli Stati Uniti. Sarebbero davvero esperienze incredibili”.