Home, Imperia — 22 maggio 2018 alle 18:03

IMPERIA: ADDIO AI SEMAFORI TRA VIA TRENTO E VIALE MATTEOTTI, CAPACCI FA DIETROFRONT. “NON È UNA SPERIMENTAZIONE. STOP OBBLIGATO IN ATTESA DELLA RIPARAZIONE”/IL CASO

Il Sindaco di Imperia Carlo Capacci chiarisce la propria posizione in merito al semaforo all’incrocio tra via Trento e viale Matteotti, a seguito di commenti che hanno portato ad una situazione fuorviante

di Redazione

imperia-semafori-carlo-capacci-viale-matteotti (1)

Il Sindaco di Imperia Carlo Capacci chiarisce la propria posizione in merito al semaforo all’incrocio tra via Trento e viale Matteotti, a seguito di commenti che hanno portato ad una situazione fuorviante. La maggioranza dei cittadini, infatti,  ha espresso, in particolare sui social network, tutto il proprio malumore per una modifica della viabilità ritenuta fortemente inadeguata.

Il commento del sindaco Capacci

“Il semaforo in questione non è stato eliminato, ma è attualmente non funzionante. L’ordinanza emessa dal comando della polizia municipale è doverosa, oltre che necessaria, ai fini dell‘informazione sul traffico per chiunque transiti ad Imperia.

Ciò non coincide però con un ‘addio’ al semaforo, come leggo titolato su diversi giornali o ascolto in alcune dichiarazioni. Il semaforo che si trova tra via Trento e viale Matteotti è danneggiato ed è quindi necessario attendere che venga riparato.

Questo periodo di ‘sospensione‘ in cui il semaforo non sarà in funzione, potrà considerarsi utile per comprendere la situazione. Ribadisco che non si tratta di un periodo di sperimentazione, ma di uno stop obbligato a causa della riparazione, in cui verrà effettuata una rilevazione dati del traffico”.

Per il sindaco Capacci non è una sperimentazione, ma nell’ordinanza…

Il sindaco Carlo Capacci nella sua nota stampa afferma che il semaforo non è stato eliminato e che non si tratterebbe di una sperimentazione. Nell’ordinanza firmata ieri dal comandante della Polizia Municipale Aldo Bergaminelli, però, si leggono testuali parole:

“Ritenuto di procedere in via sperimentale alla soppressione dell’impianto semaforico al fine di poterne valutare ulteriormente l’impatto sulla disciplina viabilistica da concordare con la nuova Amministrazione”.

Quella del sindaco Capacci sembra proprio una retromarcia in piena regola.

 
 
 
lanterisakyultimodesk