Elezioni comunali 2018, Home — 30 maggio 2018 alle 13:35

ELEZIONI IMPERIA: FIERA DEL LIBRO, SCOPPIA LA POLEMICA. MARIA SEPE:”IO ESCLUSA DAL DIBATTITO TRA CANDIDATI SINDACO”/IL CASO

Secondo la denuncia della Sepe, quindi, oltre a lei, non sarebbero stati invitati i 3 candidati rimanenti, Alessandro Casano (Alternativa Indipendente), Carlo Carpi (Insieme per Imperia) e Lucio Sardi (Sinistra in Comune).

di Redazione

33898783_10214448384617350_376502408034910208_n

“Quattro candidati esclusi da un evento della Fiera del Libro. È questa la denuncia del candidato sindaco di Potere al Popolo Maria Sepe, riguardo all’evento che si è svolto durante il Festival della Cultura Mediterranea dello scorso weekend per la presentazione del libro “Lezioni di campagna elettorale” di Gennaro Pesante.

Nel dettaglio, all’evento erano presenti 3 dei 4 candidati sindaco invitati, ovvero Guido Abbo (centro sinistra), Maria Nella Ponte (M5S) e Luca Lanteri (centro destra). Assente il candidato sindaco Claudio Scajola (Imperia Insieme).

Secondo la denuncia della Sepe, quindi, oltre a lei, non sarebbero stati invitati i 3 candidati rimanenti, Alessandro Casano (Alternativa Indipendente), Carlo Carpi (Insieme per Imperia) e Lucio Sardi (Sinistra in Comune).

Maria Sepe

“Appreso che l’incontro sulla “comunicazione politica” tenuto tre giorni fa alla Fiera del Libro, con la presentazione del libro “Lezioni di campagna elettorale”, si è tenuto sulla base della preventiva esclusione di ben quattro candidati sindaci, tra cui la sottoscritta, intendo rimarcare la gravità della cosa, intervenuta, nell’ambito di un importante evento pubblico cittadino e nel pieno della competizione elettoraleCosì la candidata sindaco di Poter al Popolo, Maria Sepe, a seguito dell’incontro alla “Fiera del Libro” sulla Comunicazione Politica.

La scelta dell’organizzatore dell’appuntamento che, ricordo, si è svolto nella piazza centrale della Fiera (Isola mediterranea) di invitare solamente i quattro candidati presunti come ‘più importanti’, si distingue per arbitrarietà.

Essa ha contraddetto elementari principi di pluralismo e civismo ed ha consentito ai tre candidati presenti al tavolo di intrattenere il pubblico su temi che sono esattamente quelli su cui si sta giocando la campagna elettorale in corso.

Credo non sia nemmeno il caso di rimarcare quale opportunità sia stata data ad alcuni competitori, che di certo non se la sono lasciata sfuggire e negata ad altri, grazie ad una concezione del confronto democratico che di fatto fa a cazzotti con tante belle parole ascoltate durante l’incontro!

Di sicuro, non è certo questo il modo di promuovere il dibattito culturale ed il confronto delle idee che noi di Potere al Popolo. Ci proponiamo di valorizzare nella Città di Imperia”.

 
 
 
popup